Home / In evidenza / Torino: danneggiamento panchine piazza Vittorio Veneto, identificati gli autori
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Torino: danneggiamento panchine piazza Vittorio Veneto, identificati gli autori

Identificati e denunciati dalla Polizia di Stato gli autori

Nei primi giorni del mese di luglio alcuni vandali hanno danneggiato le panchine di pietra in piazza Vittorio Veneto nel centro di Torino, il fatto aveva avuto una rilevanza mediatica suscitando indignazione nell’opinione pubblica.

AMTS-vivatorino-800x480
VIVATORINO-800x480px
800x480
800x480dinosauri
800x480
800 x 480 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
800x480-VivaTorino
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Gli autori avevano sollevato una lastra dai basamenti, rovesciandola e rompendola in due parti, mentre un’altra panchina veniva spaccata ad un’estremità.  

L’attività di indagine svolta dal Commissariato PS Centro ha permesso attraverso le immagini di videosorveglianza della zona di identificare i presunti autori del danneggiamento aggravato.

Si tratta di un uomo di 48 anni di origini italiane e un ragazzo spagnolo di 23 anni.

Gli agenti hanno successivamente convocato i due presso il Commissariato di via Verdi per i gravi indizi di colpevolezza a loro carico e per informarli di essere sottoposti ad indagini in stato libertà per il reato di danneggiamento in concorso tra loro, con l’aggravante di aver commesso il fatto su cose esposte per destinazione alla pubblica fede e destinati a pubblica utilità.

L’atto vandalico sarebbe stato commesso in un momento di rabbia e sotto l’effetto dell’alcol consumato durante la notte.

Il procedimento penale si trova attualmente nella fase delle indagini preliminari, pertanto vige la presunzione di non colpevolezza degli indagati, sino alla sentenza definitiva.