Home / eventi consigliati / Oltranza festival torna a torino con ‘listen to me’: il premio di musica in lingua dei segni. Da sabato 6 aprile a domenica 15 settembre
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Oltranza festival torna a torino con ‘listen to me’: il premio di musica in lingua dei segni. Da sabato 6 aprile a domenica 15 settembre

Oltranza Festival, l’arte dell’incontro contro ogni barriera torna a Torino da sabato 6 aprile a domenica 15 settembre fra arte, musica, nuovi attesi ospiti e tanti appuntamenti con concerti, talkreading, mostre, spettacoli teatrali e corsi di formazione per l’accessibilità e l’inclusione. Primo appuntamento: sabato 6 aprile, ore 21, con il Premio Listen To Me: il contest di musica visiva per cantautori e cantautrici, un concorso dedicato alla musica inclusiva organizzato da Soundset APS e Indiependence, in collaborazione con LISten Aps.

Ospite d’onore della serata: Il Solito Dandy, cantautore – che col suo stile rétro e il suo fascino d’altri tempi – è approdato alla finale di X-Factor 2023.

AMTS-vivatorino-800x480
VIVATORINO-800x480px
800x480
800x480dinosauri
800x480
800 x 480 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
800x480-VivaTorino
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Fino al 15 settembre, un lungo palinsesto di eventi, concerti tradotti in Lingua dei Segni Italiana (LIS), panel di approfondimento sul tema dell’inclusione, reading, talk,  presentazioni di libri, mostre, esposizioni tattili, laboratori di teatro integrato e tanti appuntamenti in programma per l’edizione 2024 di Oltranza Festival che mira a divertire, sensibilizzare, e soprattutto a unire, aggregare le persone, perché l’arte e l’incontro sono un diritto di tutti

OLTRANZA FESTIVAL è il festival multidisciplinare che promuove a Torino la totale accessibilità dei luoghi e dei contenuti della cultura, e si differenzia dalla maggior parte degli altri festival perché, nella sua organizzazione, la resa accessibile dell’evento è al primo posto.“Questo significa che il festival non è rivolto verso solamente verso le persone con disabilità, ma verso tutte e tutti. Non abbiamo inoltre costruito un festival ‘sulla disabilità’. Il significato alla base dell’impegno del festival è legata alla convinzione che l’incontro sia l’elemento più potente che sperimentiamo nella vita. E che siano proprio l’arte e la cultura – per la loro natura aggregativa – il mezzo più potente attraverso cui amplificare questo messaggio. Perché questo accada, i luoghi che frequentiamo e i contenuti che promuoviamo devono diventare accessibili a tutte e tutti. Nell’immaginare gli spazi d’aggregazione, e quindi nel creare cultura, non può essere concepibile un luogo che, a priori, escluda qualcuno” racconta Gigi “Bandini” CosiPresidente di Indiependence sul senso dell’iniziativa.

Il Premio LISTEN TO ME rappresenta quindi la prima importante iniziativa a Magazzino su Po, ore 21 in programma sabato 6 aprile per Oltranza Festival. Il primo passo fra le tante attività, proposte e gli appuntamenti del festival, per promuovere l’inclusione sociale e la diversità attraverso la musica, offrendo un’opportunità unica per gli artisti di valorizzare il proprio talento e di condividere un messaggio di unità e di accoglienza. Obiettivo del contest è la promozione dei concerti e delle performance musicali tradotte in lingua dei segni, per sensibilizzare artisti, pubblico e operatori dello spettacolo, sul tema dell’inclusione. Il vincitore avrà inoltre la possibilità di esibirsi dal vivo con la traduzione dei propri brani in LIS (Lingua dei Segni Italiana) sul palco dell’evento principale di Oltranza Festival in programma domenica 7 luglio a Spazio 211, che promuove l’accessibilità dei luoghi e dei contenuti della cultura. 

Durante la finale a Magazzino Sul Po, non mancheranno quindi le sorprese per i partecipanti e tutto il pubblico: ospite d’onore della serata sarà Il Solito Dandy, cantautore che col suo stile rétro e il suo fascino d’altri tempi è approdato alla finale di X-Factor 2023, regalandoci una breve performance in acustico con i suoi brani tradotti in LIS dall’interprete Erica Zani

Al fine di migliorare ulteriormente l’accessibilità della serata, oltre alle traduzioni in LIS il pubblico potrà fruire di palloncini per favorire la percezione musicale attraverso le vibrazioni, sottotitoli per le canzoni. In più i volontari saranno a disposizione per facilitare l’ordinazione al bar e per necessità di comunicazione e mobilità, compreso  l’accompagnamento per il tragitto piazza Vittorio/Magazzino. Inoltre, ci sarà la possibilità di avere un ⁠contatto in videochiamata in LIS per informazioni, oltre a un pannello di comunicazione da banco specifico per chi ha impianto cocleare grazie alla collaborazione con APIC.

La fruizione della cultura è però oggi ancora un percorso ricco di barriere. Gli eventi si rivolgono spesso all’intera comunità dando per scontato il raggiungimento del valore di inclusione sociale, ma molti dei contenuti culturali e artistici offerti non sono ancora accessibili. Oltranza Festival per questo motivo ha quindi finalmente permesso anche un’importante possibilità, con un’iniziativa che inizialmente sembrava impossibile da realizzare: un intervento risolutore per rendere accessibile lo spazio sotto palco di Magazzino Sul Po: procedono quindi i lavori per l’installazione che renderà accessibile il piano palco già in vista del primo appuntamento del festival in programma sabato 6 aprile.  

Il ricavato del festival è inoltre destinato in parte al finanziamento di una borsa di studio in Disability Management & Inclusive Thinking presso la SAA di Torino (https://www.saamanagement.it/formazione-executive/disability-management-inclusive-thinking/) e in parte alla realizzazione di interventi di abbattimento di barriere architettoniche in circoli culturali non ancora accessibili

Domenica 5 maggio la prossima data di Oltranza Festival è “Ad Oltranza // Una mostra da toccare per l’esposizione di Tizio 0.32 a Magazzino sul Po, ore 16. Una mostra tattile, di ‘disegni incollati’ con intervista all’autore. L’evento avrà inizio nel pomeriggio con l’allestimento di una mostra tattile, costituita da opere accessibili anche a persone cieche e ipovedenti.
A seguire verrà intervistato l’autore delle opere.

Sabato 18 maggio si prosegue con “Ad Oltranza//Come garantire una partecipazione inclusiva”  il corso di formazione e sensibilizzazione rivolto agli addetti ai lavori, allo staff e ai volontari di Oltranza Festival, finalizzato ad un’accoglienza dei partecipanti inclusiva, attenta e adeguata.

Domenica 9 giugno, alle 16.30 anche l’evento Ad Oltranza// Laboratorio di Pittura a Bocca” a Bocciofila Vanchiglietta per la realizzazione di un laboratorio di pittura a bocca diretto da Francesco Canale, artista nato senza braccia e senza gambe. 

Il laboratorio sarà aperto a chiunque voglia partecipare a questo tipo di esperienza. Il laboratorio nasce dall’idea di focalizzarsi sulla soluzione e non sul problema, utilizzando per dipingere, non le mani ma la bocca.

Mercoledì 12 giugno al  Magazzino sul Po la presentazione del libro scritto da Valeria Carletti, donna affetta da tetraparesi spastica dalla nascita, autrice di un libro che è un diario non convenzionale, dove a scandire il racconto biografico non è un calendario ma una selezione di brani musicali con l’evento “Ad oltranza// Presentazione di un diario non convenzionale” .

Mercoledì 3 luglio, alle ore 18 con “Ad Oltranza// Le corde dell’anima” anche la prresentazione del libro di Francesco Canale, artista nato senza braccia e senza gambe, e con il reading da lui interpretato.

Si prosegue domenica 7 luglio, con l’evento principale di Oltranza, festival multidisciplinare fra talk, spettacoli, laboratori e concerti a Spazio 211, con gli ospiti della scena musicale nazionale per una giornata che vedrà l’utilizzo in larga scala di molte tecnologie che favoriscono l’accessibilità degli show utilizzate anche nei grandi eventi, da Sanremo a Eurovision. Saranno quindi a disposizione zaini “subpack”, impianti a induzione magnetica, e sarà prevista anche  una zona di decompressione e relax all’interno degli spazi del festival.

Si conclude domenica 15 settembre con l’evento “Ad Oltranza//Teatro in Lis”, lo Spettacolo teatrale tradotto in lingua dei segni con visita guidata al Museo d’antichità ai Musei Reali. Uno spettacolo teatrale con visita guidata accessibile interamente tradotto in LIS, a cura di LISten APS.
Per le persone cieche e ipovedenti sarà possibile fruire dell’audiodescrizione. Prima dello spettacolo, gli spettatori ciechi e ipovedenti potranno partecipare anche al tour tattile sul palcoscenico. 
Per l’occasione sarà organizzata anche una visita guidata al museo di antichità con traduzione in LIS. 

In occasione di ogni appuntamento sarà infine distribuito un test di gradimento digitale ai partecipanti, che includeranno domande sulla qualità dell’ambiente trovato (quanto accogliente e inclusivo), sulla quantità e qualità del divertimento provato, sulla quantità e qualità di informazioni assimilate che prima non sapevano e sul grado di sensibilizzazione raggiunto, misurabile nella quantità consapevolezza raggiunta rispetto alle tematiche affrontate

Oltranza Festival è un progetto promosso da Indiependence e Soundset APS, in collaborazione con LISten APSMagazzino sul Po e Anomalia Teatro, con il sostegno di Arci TorinoFondazione Time2 Compagnia di San Paolo, e con la collaborazione di Si può FareBaraccone 13, APICCPDSAA – School of Management e Quattrolinee.

BIO: IL SOLITO DANDY

Il Solito Dandy nasce e inciampa in mille fantasie. Suona la chitarra con in testa un’orchestra di violini e aragoste, corre da Torino a Roma con una camicia che sembra uscita da un giardino o da uno strappo sulla tappezzeria, si mescola ai turisti e poi finisce chissà dove, nei sogni coi mostri e le sirene. Canzoni d’amore italiane con le nuvole, gli sguardi languidi da telenovela, le statue barocche e il blu di pescheria. Un sentimentalismo da poveri per chi vive in una città che continuamente perde pezzi e riesce comunque a commuoversi coi tramonti o con un fritto. Nell’autunno del 2017 esce il primo album “Buona Felicità”, il primo aprile 2022 l’album “Turismo Sentimentale”, nel 2023 arriva in finale ad X Factor classificandosi terzo; prossimamente chissà.