Home / In evidenza / Le ricette di casa  e I luoghi del cuore – Piemonte tra sapori e tradizioni gastronomiche che affondano le radici nella storia  
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow

Le ricette di casa  e I luoghi del cuore – Piemonte tra sapori e tradizioni gastronomiche che affondano le radici nella storia  

LE RICETTE DI CASA  E I LUOGHI DEL CUORE – PIEMONTE Tra sapori e tradizioni gastronomiche che affondano le radici nella storia  

Ad aprire il volume le testimonianze di Enrico Crippa e Matteo Baronetto, ri spettivamente icone dei ristoranti Piazza Duomo e Del Cambio. Quindi 24 ricette  tipiche del territorio piemontese svelate da cuoche e cuochi amatoriali, i prodotti  più rappresentativi della regione e le strade del gusto. La Guida sarà in edicola  dal 9 aprile (12 euro + il prezzo del quotidiano). 

800 x 480
Marilyn_VivaTorino_800x480
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
bansky 800 x 480
800 x 480 klimt
previous arrow
next arrow
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow

La collana “Le Ricette di Casa e i Luoghi del Cuore” delle Guide di Repubblica, dirette da Giu seppe Cerasa, si arricchisce di un nuovo capitolo accendendo i riflettori sulla cucina tradizio nale piemontese. A svelare segreti e passaggi delle portate che da sempre contraddistinguo no la regione sono cuoche e cuochi amatoriali. Un viaggio che spazia tra sapori antichi (dal  

vitello tonnato ai ravioli del plin, dal risotto al Barolo alla finanziera, dal gran bollito al fritto  misto, dal bunet ai baci di dama) e che si muove tra i luoghi, splendidi, in cui prende forma  ogni piatto. Senza dimenticare i preziosi consigli di chef professionisti. E non potevano man care i migliori ristoranti del territorio, le strutture in cui trascorre la notte e le botteghe in cui  procurarsi le materie prime (ai prodotti tipici è dedicata una lunga sezione: dai formaggi agli  insaccati, dalle verdure alla frutta e dalle carni al pesce di acqua dolce) per godere appieno  di una regione dalle mille sfaccettature. E ancora tante curiosità e le testimonianze di Enrico  Crippa e Matteo Baronetto, rispettivamente icone dei ristoranti Piazza Duomo e Del Cambio. 

«Cosa significa oggi tradizione in cucina? Prima di tutto rispetto. Rispetto dei luoghi, delle  materie prime, della memoria. Nel nome della creatività non si può tradire il senso di un piat to o di una ricetta che rivela anche storie di contadini, di riti, di famiglie e di territori. Non biso gna inventare nulla rispetto a piccoli capolavori, solo non lasciarli cadere nell’oblio, riuscire a  raccontarli trovando il giusto equilibrio per renderli attuali e farli conoscere», dice Crippa. Gli  fa eco Baronetto: «La tradizione in cucina è una ricerca che parte dallo studio delle antiche  ricette e attinge i suoi sapori e le sue suggestioni dalla memoria e dalle radici che ognuno  di noi porta in sé, indissolubilmente legate ai profumi e alle atmosfere dei luoghi in cui si è  assaggiato per la prima volta un piatto o si sono condivisi un pasto e la sua preparazione, in  casa, in famiglia, durante le feste o i pranzi della domenica».  

Così il direttore delle Guide Giuseppe Cerasa: “Frugare nei cassetti dei ricordi, ricercare trac ce di memoria. Scritti, appunti, emozioni, sapori. C’è una cultura popolare che si tramanda  nelle famiglie italiane ed è testimone di una storia individuale, ma a volte anche collettiva, che  

segna le abitudini di un popolo. Che significa convivialità, ricca di racconti, piena di ricordi e  di memoria. Questa cultura ha incerte grafie appuntate su quaderni a righe, spesso sgualciti,  con qualche inevitabile macchia di olio, con il sapore di casa, di focolare. Repubblica, con que sta collana dedicata alle ricette di casa, ha voluto salvare pezzi di memoria per riproporre ai  lettori piatti che potrebbero non essere più riconoscibili, non più identificabili. Magari salvati  da una elaborazione che raffina i sapori e li ripropone nei ristoranti in chiave più contempo ranea, ma a volte meno autentica. Ecco, noi abbiamo provato a mettere a confronto passato  e presente, curiosando nei cassetti di casa e affidando alla narrazione casalinga una prima  elaborazione della ricetta, ma chiedendo ad altrettanti cuochi professionali il loro modo di  interpretare lo stesso piatto”. 

La Guida di Repubblica dedicata alle storiche ricette del Piemonte  

sarà disponibile in edicola (12,00 euro più il prezzo del quotidiano) e online sul nostro sito:  Ilmioabbonamento.it dal 9 aprile e subito dopo in libreria e online su Amazon e Ibs.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube