Home / In evidenza / La tragedia del Cinema Statuto. Nell’incendio morirono 64 persone. Una ferita per sempre aperta
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

La tragedia del Cinema Statuto. Nell’incendio morirono 64 persone. Una ferita per sempre aperta

L’incendio del Cinema Statuto fu un tragico evento avvenuto a Torino la sera del 13 febbraio 1983, il quale provocò la morte di 64 persone per intossicazione da fumi e per ustioni; secondo quanto emerso dalle successive indagini e verifiche fatte sul luogo in questione, le fiamme si sarebbero propagate partendo da una tenda.

Le vittime, sebbene avessero tentato la fuga, trovarono le uscite di sicurezza chiuse, non riuscendo così a scampare alle esalazioni di ossido di carbonio e acido cianidrico prodotte dalla combustione del poliuretano espanso delle poltrone, dal rivestimento plastico delle lampade e dai tendaggi alle pareti. Fu considerata la più grande strage verificatasi a Torino dal secondo dopoguerra.

800x480 oriente
800x480dinosauri
Colosseo 800X480 bis
800x480
800 x 480 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
previous arrow
next arrow
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

ccadde tutto durante la proiezione del film “La Capra”, durante il quale, un improvviso corto circuito fece scoppiare l’incendio, che coinvolse, in un primo momento, alcune tende e, successivamente, le poltrone presenti nelle ultime file; sbarrando così, di fatto, una delle uscite di sicurezza del Cinema Statuto. L’unica via di fuga rimasta utilizzabile non è bastata a salvare la vita a tutte le persone presenti all’interno del cinema in questione.

Quel che restava del Cinema Statuto, dopo che era andato a fuoco nel 1983

Il proprietario della struttura venne condannato dai giudici a 8 anni di carcere, in primo grado, i quali si ridussero poi a 2 in appello. Inoltre, ha dovuto risarcire i parenti delle persone che persero la vita quel giorno.

Dopo questa tragedia, in Italia, venne varata una legge sulla sicurezza nei luoghi pubblici: si specificò che i locali destinati all’intrattenimento al pubblico avrebbero dovuto sempre garantire l’accesso ai mezzi di soccorso di prima emergenza e ai vigili del fuoco. Per i complessi multisala vennero, inoltre, richiesti più spazi dedicati alle vie di fuga.

L’incendio del Cinema Statuto è considerato, tuttora, come la più grande strage verificatasi a Torino, dal secondo dopoguerra ai giorni nostri.

La targa in memoria delle vittime del Cinema Statuto in Via Cibrario, a Torino