Home / In evidenza / Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour primo presidente del consiglio d’Italia
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour primo presidente del consiglio d’Italia

Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour, di Cellarengo e di Isolabella, noto semplicemente come conte di Cavour o Cavour (Torino, 10 agosto 1810 – Torino, 6 giugno 1861), è stato un politico e imprenditore italiano.

Fu ministro del Regno di Sardegna dal 1850 al 1852, presidente del Consiglio dei ministri dal 1852 al 1859 e dal 1860 al 1861. Nello stesso 1861, con la proclamazione del Regno d’Italia, divenne il primo presidente del Consiglio dei ministri del nuovo Stato e morì ricoprendo tale carica.

Banner 800x480 Palazzo Barolo
BRANDUARDI banner_800x480
Wharol banner 800 x480
Template Grande formato
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
Banner 800x480 Palazzo Reale
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

Fu protagonista del Risorgimento come sostenitore delle idee liberali, del progresso civile ed economico, dell’anticlericalismo, dei movimenti nazionali e dell’espansionismo del Regno di Sardegna ai danni dell’Austria e degli stati italiani preunitari.

In economia promosse il libero scambio, i grandi investimenti industriali (soprattutto in campo ferroviario) e la cooperazione fra pubblico e privato. In politica sostenne la promulgazione e la difesa dello Statuto albertino. Capo della cosiddetta Destra storica, siglò un accordo (Connubio) con la Sinistra con la quale realizzò diverse riforme. Contrastò apertamente le idee repubblicane di Giuseppe Mazzini e spesso si trovò in urto con Giuseppe Garibaldi, della cui azione temeva il potenziale rivoluzionario.

In politica estera coltivò con abilità l’alleanza con la Francia grazie alla quale, con la seconda guerra di indipendenza, ottenne l’espansione territoriale del Regno di Sardegna in Lombardia.

Benché non avesse un disegno preordinato di unità nazionale, riuscì a gestire gli eventi politici (sommosse nel Granducato di Toscana, nei ducati di Modena e Parma e nel Regno delle Due Sicilie) che assieme all’impresa dei Mille portarono alla formazione del Regno d’Italia.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube