Home / Notizie città / Torino: Commemorata la Battaglia di Monte Marrone
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Torino: Commemorata la Battaglia di Monte Marrone

Monte Marrone Come da tradizione ormai consolidata, anche quest’anno, la serie di celebrazioni che precedono la Festa della Liberazione, è iniziata con la commemorazione della Battaglia di MonteMarrone. Episodio che i libri di storia definiscono eorico e che vide protagonisti i bersaglieri del 3° Reggimento, gli alpini del Battaglione Piemonte e i aracadutisti della Divisione Nembo, inquadrati nelCorpo italiano di Liberazione, impegnati a superare la strenua difesa delle forze di occupazione tedesche. Una battaglia ritenuta strategica ai fini dell’esito finale della Seconda Guerra Mondiale nel nostro Paese, che si svolse nella notte del 31 marzo del 1944 sulle pendici del monte poco distante da Cassino. Alla cerimonia di commemorazione è intervenuto, in rappresentanza della Città, il vicepresidente vicario del Consiglio comunale Enzo Lavolta.

Nella foto: l’intervento di Enzo Lavolta durante la cerimonia di commemorazione della Battaglia di Monte Marrone

AMTS-vivatorino-800x480
VIVATORINO-800x480px
800x480
800x480dinosauri
800x480
800 x 480 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
800x480-VivaTorino
previous arrow
next arrow
AMTS-vivatorino-320x250
Vivatorino-banner-300x250
300x250-VivaTorino
300x250_banner
300x250 dinosauri
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
Marcello Longhin