Home / Notizie città / Torino: è morto Andrea Flamini, il noto “Gianduja” e presidente dell’Associassion Piemontèisa
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250masterofdirt
300x250
300x250 Frecciarossa Final Eight
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
300x250 body worlds
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250masterofdirt
300x250
300x250 Frecciarossa Final Eight
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
300x250 body worlds
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Torino: è morto Andrea Flamini, il noto “Gianduja” e presidente dell’Associassion Piemontèisa

Nella notte tra venerdì 17 e sabato 18 marzo 2017 è morto uno dei personaggi più famosi del Carnevale Torinese: Andrea Flamini, più comunemente noto come “Gianduja, una delle principali maschere che hanno caratterizzato ogni anno il Carnevale della nostra Città.

Flamini è stato anche presidente dell’”Associassion Piemontèisa, la quale ha riportato la brutta notizia della sua morte. Nato nel 1928 e morto all’età di 88 anni, ha vestito i panni di “Gianduja” per oltre mezzo secolo e, si deve proprio a lui il ritorno in auge della festa di San Giovanni, a Torino, nel 1971.

800x480 oriente
800x480masterofdirt
800x480
800x480 Frecciarossa Final Eight
800x480dinosauri
Colosseo 800X480 bis
800x480
800 x 480 illusioni
LeDune_Sq_000
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
800x480bodyworlds
previous arrow
next arrow
oriente300X250
300x250pasquareale
300x250pasquarealeb
300x250masterofdirt
300x250
300x250 Frecciarossa Final Eight
300x250 dinosauri
Colosseo 300X250b
300x250 illusioni
300 x 250 illusioni
300x250 body worlds
LeDune_Sq_000
Torino Magica Vivatorino 300x250
300x250 ill
MUSEO DELLE ILLUSIONI
previous arrow
next arrow

Nonostante fosse malato da tempo e avesse ormai a disposizione soltanto le ultime forze che gli restavano, ha combattuto fino all’ultimo per cercare di rendere alto il nome dell’associazione, di cui lui stava al vertice, anche se era tormentata dai debiti.

Quest’anno, al cosiddetto farò e ai festeggiamenti per San Giovanni sentiremo tutti la mancanza del nostro “Gianduja”: uno dei migliori portavoce della diffusione della cultura piemontese nel mondo e, chissà come saranno i prossimi carnevali senza di lui e chi prenderà il suo posto…

Servizio a cura di Antonello Preteroti