Home / eventi bambini / ZOOM TORINO NIGHT SAFARI – aperti tutti i giorni fino alle 23.00
previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

ZOOM TORINO NIGHT SAFARI – aperti tutti i giorni fino alle 23.00

 

NON E’ ESTATE A ZOOM SENZA IL NIGHT SAFARI TORNA ANCHE QUEST’ANNO L’APPUNTAMENTO SERALE PIU’ ATTESO 
Tra le novità del parco, anche un cucciolo di Wallaby

Anche quest’anno, con l’arrivo dell’estate, il bioparco ZOOM Torino propone il Night Safari, un palinsesto di appuntamenti per chi desidera prolungare la visita al parco anche di sera o per chi ama viverlo al calar del sole fino a tarda sera, per godersi il fresco, fare il bagno in piscina fino a tardi e rinfrescarsi con un buon cocktail sulla nuova Savana Terrace.

A partire dal 2 luglio il parco sarà aperto tutti i giorni fino alle 23! 

Animali e habitat: dal lunedì al giovedì gli animali saranno visibili fino alle ore 20 mentre dal venerdì alla domenica saranno visibili fino alle 21,30 e saranno in programma i talk serali come ad esempio“I segreti delle tigri” durante il quale poter scoprire le curiosità relative ai 3 fratelli di tigre siberiana ospitati al parco o “Hippo by night” che mostrerà in una visione inedita la famiglia di ippopotami e il loro cucciolo Filippo che compirà un anno ad Agosto.

Bolder Beach e Malawi Beach: dal lunedì al giovedì usufruibili fino alle 19, dal venerdì alla domenica fino alle 20,30.

Savana Terrace, Ombiasy Restaurant e gli altri punti food: La nuova Savana Terrace sarà aperta tutte le sere fino alle 23 per un aperitivo guardando negli occhi le giraffe o per un cocktail al chiaro di luna; possibilità di cenare nei diversi ristoranti del bioparco, incluso il nuovo Ombiasy Restaurant, l’affascinante casa coloniale completamente ristrutturata, con i dehors che si affacciano sui baobab: una nuova esperienza, culinaria e sensoriale (ristorante aperto fino alle 23) con proposte del territorio e alcune incursioni internazionali come il cous cous (su prenotazione).

Mora Mora Village: dal venerdì alla domenica aperitivo con dj set e sessioni di musica live con il gruppo Afrodream (domenica sera). Animazione per i più piccoli a partire dalle 17,30.

L’accesso al parco sarà anche possibile a partire dalle ore 18.00 per godersi la versione “by night” di ZOOM.

E a rendere ancora più speciale questo Night Safari … il poter vedere da vicino un piccolo di Wallaby.

Immagine 2

È di pochi giorni fa, infatti, la scoperta della nascita di un nuovo cucciolo.

Il keeper che solitamente si prende cura di loro ha intravisto un piccolo musetto uscire dal marsupio di Mamy, la femmina di 3 anni che, da quando è arrivata al parco, fa coppia fissa con Harry, uno dei due maschi di 8 anni.

I wallaby, che si riproducono generalmente tra febbraio e aprile, danno alla luce solo un piccolo per volta poiché, dopo la gestazione di circa 30 giorni, lo tengono all’interno del marsupio per altri 280 giorni dove viene allattato per portare a termine lo sviluppo – alla nascita, infatti, non ha peli e gli arti posteriori e la coda sono ancora incompleti.

Al momento non si sa nulla, si pensa solo che possa avere circa 4 mesi. Il sesso lo si scoprirà solo quando uscirà completamente dal marsupio. Attualmente la piccola testa fa capolino ogni tanto.

I piccoli, che iniziano ad uscire intorno ai 5/6 mesi, vengono allattati fino al raggiungimento dell’anno e mezzo, quando abbandoneranno definitivamente, per questione di spazio, il marsupio della mamma.

Un evento davvero inaspettato che ha colto di sorpresa tutti a ZOOM. “E’ pressochè impossibile scoprire la gravidanza di un wallaby – racconta la veterinaria Sara Piga – poiché il corpo della madre non subisce nessun tipo di modifica. Solo l’ecografia avrebbe potuto anticiparci questa bella notizia ma al parco, se non strettamente necessario, non effettuiamo visite approfondite.”

Il Wallaby di Bennet fa parte della famiglia dei Macropodide (come i canguri) ed è il più grosso tra le specie di wallaby esistenti – tanto che il maschio può raggiungere gli 80cm di altezza e pesare fino a 20kg.
Vive prevalentemenete in boscaglie costiere e prati adiacenti a aree boscose nelle zone più temperate dell’Australia orientale, in Tasmania e nelle isole dello stretto di Bass.
Si nutre, soprattutto durante le ore notturne e nel tardo pomeriggio, brucando generalmente erba, radici e foglie.
Conservazione: avendo una distribuzione piuttosto ampia e potendo sopravvivere in molti habitat diversi, non presenta particolari rischi di estinzione. Tuttavia, in alcune aree viene ucciso in quanto considerato un problema per le coltivazioni e i pascoli o per il commercio
di pelliccia e carne.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube