Home / In evidenza / (video) Torino: smerciavano anche ostie di crack
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

(video) Torino: smerciavano anche ostie di crack

ASTI - ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO UN CITTADINO TUNISINO

Ingente sequestro della Polizia di Stato

A seguito di indagini info-investigative, gli agenti della Squadra Mobile hanno tratto in arresto tre cittadini stranieri per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio:

ghost_ banner 800x480
Banner 800x480 Palazzo Barolo
Wharol banner 800 x480
Template Grande formato
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
Banner 800x480 Palazzo Reale
previous arrow
next arrow
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

– G.P., gabonese di 27 anni;

– H.A., mauritano di 22 anni;

– D.A., ivoriano di 31 anni.

Lunedì pomeriggio, appena fatto ingresso nell’appartamento di via Randaccio, i poliziotti, dopo essere stati aggrediti da uno dei tre, hanno sorpreso gli altri due spacciatori  impegnati nel confezionamento dello stupefacente.

Sotto gli occhi dei poliziotti c’era un vero e proprio laboratorio di cocaina.

Sono stati sequestrati circa 400 grammi di droga sotto forma di ostie di crack, ovuli e frammenti di sostanza solida già pronti per lo scambio, oltre ad un barattolo contenente probabile sostanza da taglio, diversi rotoli e ritagli di nylon, utilizzati per l’incartamento delle dosi, e un bilancino di precisione.

Diverse sono state, con molta probabilità, le quantità di droga già piazzate sul mercato, come dimostrato dall’ingente somma di denaro rinvenuta all’interno dell’abitazione: oltre 10 mila euro in contati. Il denaro, suddiviso in mazzette, era nascosto in parte all’interno del forno della cucina e altro ben in evidenza sul tavolo dello stesso locale.

Il ventisettenne del Gabon, con precedenti di Polizia, è stato anche arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale poiché ha tentato di ostacolare l’ingresso dei poliziotti sferrando due pugni al volto di un agente.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube