Home / In evidenza / (video) Rinasce il nuovo stadio del tennis al circolo della stampa sporting di Torino
dinosauri banner 320x250
Banner Ass Comm Miraflores
Banner1_Animazione
torino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
banner Viva Torino 300x250
previous arrow
next arrow
dinosauri banner 320x250
Banner Ass Comm Miraflores
Banner1_Animazione
torino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
previous arrow
next arrow

(video) Rinasce il nuovo stadio del tennis al circolo della stampa sporting di Torino

Tra poche settimane Torino diventerà la capitale mondiale del tennis. Con l’arrivo delle Nitto Final’s la città si prepara a ospitare la prima delle 5 edizione del torneo tennistico che porterà sotto la Mole gli otto giocatori più forti al mondo che si condenseranno appunto le final’s Atp. Tra gli interventi satellite del grande evento è stato il restauro dello stadio del tennis di Torino mantenendo la struttura originale del 1941

Si è tenuta nella mattina del 6 settembre 2021 al Circolo della Stampa Sporting la conferenza stampa di presentazione dell’inaugurazione del rinnovato Stadio del Tennis

dinosauri banner 800x400
Banner Passaparola
torino - 800x480
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
banner Viva Torino 800x480
Banner2_animaz
Slide
previous arrow
next arrow
dinosauri banner 320x250
Banner Ass Comm Miraflores
Banner1_Animazione
torino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
banner Viva Torino 300x250
previous arrow
next arrow

Lo Stadio, costruito nel 1941, è stato ristrutturato secondo un progetto che consentirà di usufruirne non solo per il tennis ma anche per altre attività sportive, teatrali, di spettacolo e culturali.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente del Circolo della Stampa Sporting Luciano Borghesan, il vicepresidente delegato Pietro Garibaldi, la Sindaca Chiara Appendino, il tennista Lorenzo Sonego, il direttore dei lavori di ristrutturazione dello Stadio del Tennis Giancarlo Gramoni, il responsabile della società Quintino S.p.a Antonio D’Onofrio e, in collegamento telefonico, Neri Marcorè, direttore artistico dell’evento Set in Scena.

La sindaca Chiara Appendino: “La città aveva bisogno di uno spazio aperto, un’arena dove poter anche fare degli spettacoli. E’ un primo investimento importante che si colloca lungo il percorso fatto con il tennis e le ATP Finals”.

Lorenzo Sonego: “La prima volta che misi piede nel Campo Stadio dello Sporting avevo forse dodici anni e avevo appena cominciato a giocare a tennis: l’occasione, fare il raccattapalle in occasione del Challenger ATP che lo Sporting ha organizzato per tanti anni. E’ un bellissimo impianto che non ha eguali al mondo,  e sono davvero orgoglioso ed emozionato all’idea di essere il primo a inaugurarlo domenica prossima contro Federico Gaio, che si allena anche lui allo Sporting”.

Nella foto in apertura, da sinistra, Roberta Delbosco per la Fondazione CRT, Pietro Garibaldi vicepresidente delegato Circolo della Stampa Sporting, il tennista Lorenzo Sonego, la Sindaca Chiara Appendino, Luciano Borghesan presidente del Circolo della Stampa Sporting, Matteo Bagnasco per la Fondazione Compagnia di Sanpaolo.

Alla presenza e al cosiddetto taglio del nastro, le istituzioni della città rappresentate dalla sindaca Chiara Appendino e dal campione di tennis, Sonego. Il tennista non solo è torinese ma è cresciuto sportivamente nel circolo di Torino

Il Circolo della Stampa è un complesso sportivo polifunzionale di Torino. Si trova in corso Giovanni Agnelli, nel quartiere di Santa Rita, nella zona meridionale della città. Prende il nome dell’associazione ricreativa del quotidiano locale La Stampa, parzialmente beneficiaria dell’area durante gli anni 1930.

Nel corso della sua storia è stato noto come Circolo «La Stampa», Circolo Juventus e, in seguito, Sporting per via del nome dei consorzi e delle associazioni sportive che maggiormente l’hanno utilizzato o, più brevemente, come Circolo [di Torino] per distinguerlo da altre strutture simili nel resto d’Italia.

Durante i suoi primi quarant’anni d’attività fu considerato tra le più importanti e lussuose sedi sportive d’Europa oltreché una delle icone dell’architettura razionalista e modernista torinese, tanto da essere descritto dal Politecnico di Torino quale «un significativo esempio di impianto sportivo e ricreativo di gusto Novecento».

Opera dell’architetto napoletano Domenico Morelli, fu inaugurato nel 1941 come Circolo Sportivo Juventus per ospitare le attività extracalcistiche del club inizialmente proprietario della struttura (tennis, disco sul ghiaccio, nuoto e bocce). Fu anche sede di incontri sportivi internazionali, tra cui quelli della Nazionale italiana di tennis in sei edizioni della Coppa Davis tra il 1948 e il 1973, dell’Italia di pallacanestro contro l’Inghilterra nel 1948, gli Internazionali d’Italia 1961 e la totalità d’incontri disputati nella Federation Cup 1966 includendo la finale tra le squadre nazionali femminili di Stati Uniti e Germania Ovest.

L’impianto andò incontro a numerosi cambi di proprietà fino a essere acquisito, insieme a tutta l’area su cui insiste, dal Comune di Torino che nel 2004, in occasione della XXIII Universiade invernale lo sottopose a ristrutturazione. Dal 2009 il Circolo della Stampa — Sporting (associazione che già dalla metà degli anni 1960 usufruisce dell’impianto) ha ottenuto in concessione dal Comune il diritto di superficie parziale per venticinque anni; oltre all’attività sportiva il Circolo della Stampa ha storicamente ospitato anche conferenze e iniziative culturali.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube