Home / In evidenza / Via i parcheggi davanti le Porte Palatine per valorizzare il monumento dell’epoca Romana
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

Via i parcheggi davanti le Porte Palatine per valorizzare il monumento dell’epoca Romana

E’ la sindaca di Torino Chiara Appendino a comunicare l’eliminazione del parcheggio sulla strada proprio davanti al più importante monumento di epoca romana della città, appunto le Porte Palatine.
La richiesta è stata fatta della Soprintendenza Belle Arti e l’amministrazione l’ha accolta togliendo la possibilità di sostare installando dei dissuasori.

Ecco le parole di Chiara Appendino

Banner 800x480 Palazzo Barolo
BRANDUARDI banner_800x480
Wharol banner 800 x480
Template Grande formato
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
Banner 800x480 Palazzo Reale
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

“Buona domenica, Torino! La buona notizia di oggi va guardata da un punto di vista diverso dal solito 😉Costruita oltre 2000 anni fa, la Porta Palatina consentiva l’accesso ad Augusta Taurinorum, oggi Torino. Si tratta della principale testimonianza archeologica dell’epoca romana in città.Dietro richiesta della Soprintendenza Belle Arti, è stata rimossa la sosta dei mezzi dei mercatali e delle auto tramite posizionamento di dissuasori. Una modifica della viabilità che garantisce una vista prospettica decisamente migliore di questo prezioso bene archeologico.Cosa ne pensate?”

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube