Home / In evidenza / Torino: Polizia locale e Polizia di Stato insieme contro l’abusivismo commerciale
previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Torino: Polizia locale e Polizia di Stato insieme contro l’abusivismo commerciale

Oggi conferenza stampa in Questura

Nei giorni scorsi, nell’ambito di un operazione di prevenzione e controllo del territorio volta al contrasto delle situazioni di illegalità derivanti dalla presenza di venditori senza licenza che occupano abusivamente spazi pubblici, la Polizia Locale di Torino e la Polizia di Sato hanno agito in sinergia nel monitoraggio delle aree interessate dal fenomeno dell’abusivismo commerciale.

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

In tale ambito, una parte cospicua dei controlli ha riguardato l’area del mercato c.d. “del libero scambio”, meglio nota come “Suk”. In particolare la Polizia Locale e il personale del Commissariato Dora Vanchiglia, insieme agli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, hanno presidiato l’area di Canale Molassi e San Pietro in Vincoli, nei punti di maggior accesso alla zona di sosta.

Si è proceduto al controllo dei venditori non autorizzati sia in relazione alla provenienza delle merci sia in merito alla regolarità dei veicoli utilizzati per il trasporto.  

Nell’arco dei servizi, sono stati ispezionati 31 furgoni e identificate oltre 40 persone, molte delle quali  di provenienza nordafricana o dell’est Europa, con precedenti di polizia. Sette dei veicoli controllati sono risultati sottoposti a provvedimento di fermo fiscale (che non consente il sequestro del mezzo); sono state inoltre elevate diverse sanzioni per violazioni al codice della strada.

I venditori irregolari, sottoposti a controllo, sono stati allontanati dall’area del mercato.

Il servizio di contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale proseguirà nei prossimi giorni, con controlli costanti e sempre più stringenti finalizzati a garantire l’osservanza delle norme che regolano le vendite occasionali su area pubblica.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube