Home / coronavirus / Torino: Gli devastano il locale dopo che il proprietario li invitava ad indossare la mascherina

Torino: Gli devastano il locale dopo che il proprietario li invitava ad indossare la mascherina

Due colombiani arrestati dalla Squadra Volante
Sabato sera gli agenti della Polizia di Stato intervengono in un negozio di alimentari in corso Vercelli in quanto due avventori, cittadini colombiani di 29 e 27 anni, stanno devastando il locale. Poco prima, i due, entrando nel negozio, erano stati redarguiti dal titolare poiché privi di mascherina. Per ovviare al problema, uno dei due copre la bocca con la propria maglietta e si dirige verso il banco frigo per prendere 10 birre.

Una volta arrivato in cassa però, il ventinovenne decide di stappare una bottiglia e di iniziare a berla, noncurante dei richiami del proprietario che lo invita a consumare l’articolo fuori dal negozio. Infastidito, il colombiano allora afferra una delle bottiglie e si dirige verso l’uscita. Il titolare, intuito che l’uomo non avrebbe mai saldato il proprio conto, raggiunge rapidamente la porta per impedirgli di allontanarsi ma il ventinovenne si fa strada, spingendolo con forza.

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Ne nasce una breve colluttazione, nella quale anche il ventisettenne viene in aiuto dell’amico, tirando una bottiglia all’indirizzo del proprietario che, fortunatamente, viene solo colpito di striscio ad un orecchio. Con non poca fatica, il titolare riesce a spingere fuori dall’esercizio i due colombiani che cercano più volte di rientrare con prepotenza, urlando frasi incomprensibili. I due vengono rintracciati poco dopo dagli agenti della Squadra Volante. Entrambi, irregolari sul territorio nazionale, sono stati arrestati per tentata rapina.