Home / In evidenza / Torino e il dramma dell’inquinamento atmosferico. Peggiore città d’Italia nel 2018
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

Torino e il dramma dell’inquinamento atmosferico. Peggiore città d’Italia nel 2018

Ancora una volta Torino fa registrare dati pessimi per quanto riguarda l’inquinamento sviluppato dalla concentrazione di pm10 diluita nell’aria che respiriamo quotidianamente.

Il dato drammatico è emerso dal rapporto di “Mobilitaria 2019” realizzato da Kyoto Club, istituto Atmosferico del Consiglio Nazionale delle Ricerche in collaborazione con OPMUS ISFORT, che ha interessato 14 città italiane nel periodo 2017-2018.

ghost_ banner 800x480
Banner 800x480 Palazzo Barolo
Wharol banner 800 x480
Template Grande formato
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
Banner 800x480 Palazzo Reale
previous arrow
next arrow
ghost banner 300x250
Banner Palazzo Barolo 300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

Torino, secondo i dati registrati e analizzati risulta la peggiore città d’Italia.

Sono molte le città che hanno superato e sforato il livello di soglia consentito stabilito in 35 giorni all’anno. Il triste primato spetta a Torino che per 89 giorni ha superato il limite di guardia delle polveri sottili consentite in un giorno,  al secondo posto c’è Milano con 79 giorni, Venezia 63 Cagliari 49 Napoli con 40.

La città ha risposto con numerose misure restrittive come il blocco dei veicoli più inquinanti a diesel e benzina.

inoltre saranno previste nel prossimo inverno ulteriori misure per cercare di abbassare questo fenomeno sempre più preoccupante.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube