Home / eventi consigliati / “Three works” di Marina Caneve per “Futures” – dal 5 maggio a fine ottobre 2022, in piazza Carlina a Torino
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow

“Three works” di Marina Caneve per “Futures” – dal 5 maggio a fine ottobre 2022, in piazza Carlina a Torino

Mostra “Three works” di Marina Caneve per “Futures” moves to piazza Carlina Una stagione di giovane fotografia con Maradeiboschi e VANNI Da maggio a ottobre 2022, in piazza Carlina a Torino  

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia rinnova il rapporto con il territorio
,dopo la fortunata collaborazione con cinque spazi d’arte indipendenti di Torino attraverso il progetto “Futures moves to the city”, lanciando un nuovo progetto per la promozione della giovane fotografia italiana“Futures” moves to piazza Carlina è un ciclo di mostre personali dedicato all’opera dei talenti selezionati, nel 2020, dall’istituzione torinese nell’ambito del programma europeo Futures Photography.  Le mostre verranno ospitate, da maggio ad ottobre 2022, negli showroom in piazza Carlina di MaradeiboschiVANNI, per l’occasione partner e sostenitori del progetto di CAMERA curato da Giangavino Pazzola.     La prima mostra in programma, Three works, è quella dell’artista Marina Caneve (Belluno, 1988), che aprirà giovedì 5 maggio 2022, in simultanea da Maradeiboschi e da VANNI, e rimarrà visitabile tutti i giorni sino a metà giugno.  Nei mesi successivi verranno poi ospitate, sempre negli stessi spazi e a cadenza regolare, le mostre di Camilla Ferrari (Milano, 1992), Camillo Pasquarelli (Roma, 1988), Giovanna Petrocchi (Roma, 1988) e Marco Schiavone (Torino, 1990), esperienze nell’ambito delle quali verranno sviluppati anche dei progetti speciali legati ai percorsi di innovazione e ai valori che ispirano l’attività delle due aziende torinesi.   A partire da tre serie di lavori realizzati sino ad oggi dall’artista, Are They Rocks or Clouds? (2018 – 2019), Entre Chien et Loup (2020) e A fior di terra (2021), il percorso espositivo sottolinea la prospettiva ecologica sulla quale Caneve incardina le storie raccontate nella sua produzione artistica. Attraverso questo filtro, infatti, l’artista cerca di investigare fenomeni quali il rapporto che intratteniamo con le catastrofi ambientali, la costruzione della memoria dei luoghi e la coesistenza tra risorse naturali ed esseri umani. Attraverso fotografie di archivio, testi e immagini realizzate ex novo, infatti, in Are They Rocks or Clouds? indaga la storia del dissesto idrogeologico nelle montagne dolomitiche per esplorare il rapporto tra uomo, architettura e paesaggio.

Con Entre Chien et Loup, progetto commissionato dal Museo Nazionale della Montagna di Torino nel 2020, Caneve si muove tra immagini rinvenute nell’archivio del museo e nel paesaggio circostante, per costruire una rete di relazioni – reali e fittizie – che costruiscono un luogo immaginario. Con A fior di terra(2021), invece, ha coinvolto la popolazione di Lusiana Conco, piccolo paese situato sull’Altipiano di Asiago, in un’auto etnografia sul tema dell’estrazione e della lavorazione del marmo, tradizionale risorsa primaria per l’economia locale. Con una messa in discussione della funzione documentaria della fotografia, Caneve, esplora diversi argomenti e costruisce conoscenza, con un interesse specifico per la vulnerabilità ambientale, sociale e culturale.   Siamo contenti di poter inaugurare questo nuovo progetto – commentano il direttore di CAMERA Walter Guadagnini e il curatore Giangavino Pazzola – poiché, oltre a rappresentare un’ulteriore opportunità di collaborazione tra realtà locali diverse ma animate dagli stessi valori di ricerca, innovazione e sperimentazione, “Futures” moves to piazza Carlina ci permette di riaccendere l’attenzione sui talenti scelti nel 2020 per il progetto Futures. A causa della pandemia alcune attività erano rimaste in sospeso, per questo motivo abbiamo ideato un programma speciale di mostre che ci consente di raggiungere l’obiettivo di promuovere le esperienze più significative del panorama fotografico nazionale. 
Futures moves to Piazza Carlina – commentano Maradeiboschi e VANNI – ci dà modo di evidenziare una naturale propensione delle nostre realtà alle collaborazioni con gli artisti e il sostegno del loro lavoro. Le opere che ospitiamo nei nostri spazi uniscono l’esperienza dell’impresa e dello stile con quella della fruizione artistica in una relazione spontanea e di mutuo aiuto. Portare in piazza Carlina uno spaccato della ricerca più innovativa in campo fotografico, grazie alla collaborazione con CAMERA, rilancia la nostra visione: da sempre siamo attenti ai linguaggi artistici contemporanei e ci impegniamo a sostenere giovani artisti, perché da loro traiamo linfa e spunti di libertà creativa che mettiamo in connessione con le nostre mission aziendali, animando suggestioni e sguardi che abbracciano orizzonti inesplorati. 

800 x 480
Marilyn_VivaTorino_800x480
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
bansky 800 x 480
800 x 480 klimt
previous arrow
next arrow
300 x 250 klimt
300 x 250
Marilyn_VivaTorino_300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube