Home / coronavirus / Prefetto Palomba: Torino e il Covid, bilancio positivo sullo scorso fine settimana
previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Prefetto Palomba: Torino e il Covid, bilancio positivo sullo scorso fine settimana

Bilancio sostanzialmente positivo del primo fine settimana dopo la riapertura. Il prefetto di Torino, Claudio Palomba, infatti, commenta sul quotidiano La Stampa in un’intervista: «Qualche criticità è stata riscontrata su lungo Po Cadorna, dove in molti si sono riversati all’ora di chiusura dei locali. Nulla di preoccupante, ma si tratta comunque di situazioni su cui ragioneremo”.

«Ho fatto diverse passeggiate – rivela il prefetto – in piazza Vittorio, San Salvario, Santa Giulia, via di Nanni e al Quadrilatero. Sia intorno alle 19 sia dopo l’ora cena, sino a mezzanotte passata. La mia impressione è che la movida torinese sia ripartita a due velocità. All’ora dell’aperitivo, sedute ai dehors del centro, c’erano numerose persone, ma non tantissime. Quasi tutte hanno rispettato le distanze. La piazza era gremita dopo le 23. E, quando i locali stavano per chiudere, buona parte della gente si è riversata su lungo Po Cadorna, vicino ai Murazzi. Dove in pochi hanno messo in pratica il distanziamento».

previous arrow
next arrow
Slider
NUOVI TOUR GIUGNO 2020
previous arrow
next arrow
Slider

Sui controlli delle Forze dell’ordine messi in campo, Palomba sottolinea che «La presenza di Carabinieri, Polizia di Stato, polizia municipale e Guardia di finanza è prevista in maniera diffusa soprattutto nelle quattro aree da tenere sotto controllo: piazza Vittorio, San Salvano, piazza Santa Giulia e il Quadrilatero.

Sulla questione “movida” il prefetto annuncia, poi , che «Ne discuteremo oggi al Tavolo per la sicurezza pubblica e durante una video-conferenza insieme alle associazioni dei commercianti e ai presidenti di Circoscrizione. Esamineremo anche eventuali ulteriori accorgimenti che possono migliorare complessivamente la situazione».

Il prefetto conclude con un appello ai torinesi «Continuiamo su questa strada con senso di responsabilità, soprattutto dei giovani, pur comprendendo la loro voglia di stare insieme. Comprensibile, ma serve cautela».

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube