Home / In evidenza / orino: la Polizia di Stato individua i responsabili dei volantini di minaccia al Presidente della Regione Piemonte Cirio
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

orino: la Polizia di Stato individua i responsabili dei volantini di minaccia al Presidente della Regione Piemonte Cirio

Sono due ragazzi di 23 e 25 anni ed una giovane di 30

Personale della Digos della Questura di Torino, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica di Torino, ha eseguito perquisizioni domiciliari presso le abitazioni dei tre responsabili dell’affissione, nei giorni scorsi, di tre volantini analoghi a quelli realizzati dalle Brigate Rosse per il sequestro di Aldo MORO riportanti pero l’immagine del Presidente della Regione Piemonte Alberto CIRIO, con la scritta “I COSPLAYER CHE VOGLIAMO”.

Banner 800x480 Palazzo Barolo
BRANDUARDI banner_800x480
Wharol banner 800 x480
Template Grande formato
banner-pubblicità-grande
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
Banner 800x480 Palazzo Reale
previous arrow
next arrow
Banner Palazzo Barolo 300x250
BRANDUARDIbanner_300x250
Wharol banner 300x250
Template Grande formato
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
Banner Palazzo Reale 300x250
previous arrow
next arrow

In particolare, un venticinquenne appartenente al “C.U.A. – Collettivo Universitario Autonomo” unitamente ad un ventitreenne, si sono evidenziati anche nel corso della recente mobilitazione estiva contro la Grande Opera Ferroviaria, partecipando ad alcune delle iniziative più violente, per le quali entrambi sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, mentre la terza responsabile della predetta azione intimidatoria, di 30 anni, è stata recentemente identificata dalla DIGOS nel corso di un’iniziativa dei “rider”.

I tre responsabili sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica per minacce aggravate.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube