Home / In evidenza / LE VETRINE DEL NEGOZIO BIRAGHI DI TORINO ALZANO IL SIPARIO E RIVELANO I PRODOTTI TIPICI CHE SARANNO IN ASSORTIMENTO
previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

LE VETRINE DEL NEGOZIO BIRAGHI DI TORINO ALZANO IL SIPARIO E RIVELANO I PRODOTTI TIPICI CHE SARANNO IN ASSORTIMENTO

 Il negozio Biraghi aprirà a settembre e raccoglierà

le eccellenze dei prodotti tipici piemontesi: delizie gastronomiche

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

di realtà artigianali tradizionali con un forte legame con il territorio

 

Cavallermaggiore, 10 maggio 2019 – Il negozio Biraghi aprirà nel mese di settembre e darà il via al grande progetto di valorizzazione non solo delle eccellenze enogastronomiche piemontesi ma anche delle realtà imprenditoriali e artigianali locali che da generazioni portano avanti la tradizione di famiglia. Attualmente le aziende inserite nel progetto sono oltre 180, ma il processo di selezione è ancora in atto e porterà al coinvolgimento di altre eccellenze provenienti da tutte le province piemontesi: Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbania, Vercelli e Torino. La quasi totalità di quelle già scelte per il prestigioso locale che inaugurerà nel mese di settembre è rappresentata infatti da aziende storiche, di piccole dimensioni, a guida familiare e con una produzione di carattere artigianale.

In negozio si potranno trovare sia specialità tipiche come i “Baci di Cherasco” della famosa Cioccolateria Ravera (Cuneo) sia prodotti di nicchia, delle vere chicche tutte da scoprire, come “i Biscutin dal Strii” (Vercelli), biscottini artigianali di montagna prodotti nel Parco Naturale dell’Alta Valsesia a Fobell, l’olio extra vergine dell’Azienda Agricola Veglio (Asti) e le confetture dell’Azienda Agricola Prunotto (Cuneo). Per quanto riguarda la parte dei formaggi, oltre alle produzioni dell’azienda di Cavallermaggiore, dal Gran Biraghi al pregiato Gorgonzola Dop fino al Burro da panna fresca di centrifuga, saranno messi in vendita marchi DOP come la Robiola di Roccaverano dell’Azienda Agricola Stutz (Asti) e il Castelmagno di Beppino Occelli.

La Biraghi tramite la sua attività è da sempre riconosciuta come azienda che sostiene il proprio territorio, il negozio di Piazza San Carlo a Torino avrà dunque l’ambizioso obiettivo di raccogliere in un unico luogo le eccellenze enogastronomiche di tutto il Piemonte.

I lavori sono ancora in corso ma attraverso il nuovo allestimento delle vetrine, svelato il 9 maggio 2019, si darà un’anteprima delle prelibatezze che si potranno acquistare all’interno del locale, infatti alcune tipicità piemontesi sono state messe in scena. In attesa dell’apertura, i cittadini di Torino e i turisti avranno quindi la possibilità di “sbirciare” simbolicamente dietro i tendoni rossi.

A proposito di Biraghi…

 

Biraghi Spa, fondata nel 1934, sostiene da sempre la filiera di produzione italiana: raccoglie e lavora circa 450.000 litri di latte al giorno, per un totale di 165 milioni di litri l’anno. Negli stabilimenti di Cavallermaggiore avvengono tutti i processi di raccolta e lavorazione del latte, producendo formaggi e prodotti lattiero caseari senza conservanti: circa 320.000 forme di Gran Biraghi l’anno e circa 200.000 forme di Gorgonzola DOP, oltre a Ricotta e Burro.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube