Home / coronavirus / Il modello di comunicazione per l’attività di ristorazione per asporto (take away) nel territorio del comune di torino
previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Il modello di comunicazione per l’attività di ristorazione per asporto (take away) nel territorio del comune di torino

Da sabato 9 maggio, dalle ore 6 alle ore 21, in città sarà nuovamente consentito il take away. La data di ripartenza della ristorazione per asporto è stata stabilita dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 49 del 30/04/2020: ‘Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica’.

Bar, pub, ristoranti, pizzerie, oltre a pastifici, gastronomie, rosticcerie, pizze al taglio, friggitorie, kebab, pasticcerie, gelaterie ed esercizi per i quali è prevista la consegna al cliente direttamente dal veicolo, potranno attivare il servizio di asporto inviando una semplice comunicazione al Comune (all’indirizzo mail comunicazione.asporto@comune.torino.it), che ha predisposto un apposito modulo reperibile al seguente indirizzo web (www.comune.torino.it/nh/pdf/moduloperasporto.pdf ), che dovrà essere conservato nell’esercizio.

previous arrow
next arrow
Slider
NUOVI TOUR GIUGNO 2020
previous arrow
next arrow
Slider

I titolari di tali attività dovranno rispettare le disposizioni del DPCM 26 aprile 2020 (divieto di consumare prodotti all’interno dei locali e di sostare nelle immediate vicinanze degli stessi) oltre alle seguenti ulteriori indicazioni:in attesa dell’ingresso, la distanza minima in coda dovrà essere di 2 metri; il ritiro dei prodotti precedentemente ordinati dovrà avvenire in base ad appuntamenti dilazionati nel tempo (per evitare assembramenti all’esterno) e nel locale sarà consentita la presenza di un solo cliente alla volta che dovrà fermarsi per il tempo strettamente necessario alla consegna (naturalmente sempre rispettando le misure di cui all’allegato 5 del DPCM del 26 aprile 2020).

Sia i clienti, sia il personale di servizio dovranno indossare sempre la mascherina e mantenere una distanza minima di due metri.

Clicca e segui VivaTorino su  YouTube