Home / eventi consigliati / ELLIOTT ERWITTFamily – Dal 4 marzo 2023Palazzina di Caccia di Stupinigi. Antiche cucine. Piazza Principe Amedeo 7 – Nichelino (TO) 
banner 300 X 250
300 x 250
300 x 250 Vivatorino
banksy 300x250
Torino Magica Vivatorino 300x250
previous arrow
next arrow
banner 300 X 250
300 x 250
300 x 250 Vivatorino
Torino Magica Vivatorino 300x250
spazio libero-banner 300 x 250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow

ELLIOTT ERWITTFamily – Dal 4 marzo 2023Palazzina di Caccia di Stupinigi. Antiche cucine. Piazza Principe Amedeo 7 – Nichelino (TO) 

_____________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________________________________________________________

banner 800 X 480
800 x 480
800 x 480 dali
Torino Sotterranea Vivatorino 800x480
bansky 800 x 480
previous arrow
next arrow
banner 300 X 250
300 x 250
300 x 250 Vivatorino
Torino Magica Vivatorino 300x250
banksy 300x250
previous arrow
next arrow
Elliott Erwitt - Luca Cazzaniga
   
Il lavoro – lungo una vita –di un artista che ha fatto la storia fotografica del nostro secolo,ELLIOTT ERWITT.
Una produzione Next Exhibition,in collaborazione con SUDEST 57e Associazione Culturale Dreams.Curatela della Dottoressa Biba Giacchetti.
In mostra gli scatti che hanno meglio descritto il concetto inesprimibile e totalizzante della famiglia. Da qui il titolo “FAMILY”.

“La fotografia è il lavoro dell’anima” (Elliott Erwitt)

Elliott Erwitt, il grande autore che ha fatto la storia fotografica del nostro secolo, con il suo stile unico, potente e leggero, romantico o leggermente ironico, affronta in modo trasversale il tema della Famiglia.

La curatrice della mostra, la Dottoressa Biba Giacchetti, ha chiesto a uno dei più importanti maestri della fotografia di creare un album personale e pubblico, storico e contemporaneo, serissimo e al contempo ironico: è nata così “Elliott Erwitt – FAMILY”.

Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi le fotografie che nella lunghissima carriera di Erwitt – oggi 94enne – meglio hanno descritto e rappresentato tutte le sfaccettature del concetto così inesprimibile e totalizzante dell’essere famiglia. Niente è infatti più assoluto e relativo, mutevole, universale e altrettanto particolare come il tema della famiglia, che ha a che fare con la genetica, il sociale, il diritto, la sicurezza, la protezione e l’abuso, la felicità e la tristezza. Mai come oggi la famiglia è tutto e il suo contrario.

Gli scatti esposti in mostra nelle antiche cucine della Palazzina di Caccia di Stupinigi sono stati selezionati da Erwitt in persona e raccontano trasversalmente settant’anni di storia della famiglia e delle sue infinite sfaccettature intime e sociali.

Si offrono indifferentemente all’osservatore istanti di vita dei potenti della terra, come Jackie al funerale di JFK, accanto a scene intime come la madre che osserva rapita la neonata, che poi è Ellen, la primogenita del fotografo.

Scorci rigorosamente in bianco e nero da tutto il mondo.

Dalla Provenza, in Francia, un adulto che porta con sé un bambino, in bicicletta, su un viale alberato che pare non avere fine, un’immagine celebre e tanto amata.

Dall’Irlanda due anziani, di spalle, si godono la brezza del mare, curvati e appesantiti dall’età, ma insieme.

Dalla Cina un bimbo aiuta la sua mamma a spingere un carrellino pieno di povere cose.

Dagli Stati Uniti la protagonista del manifesto della mostra: un’elegante signora, vestita con soprabito e stivali alti, raffigurata mentre porta a passeggio un buffo e minuscolo cagnolino da una parte e un altrettanto imponente cane dall’altra; la celebre immagine iconica di Erwitt: Felix Gladys and Rover.

La cifra di Erwitt si esprime in questa mostra con un ritmo esilarante eppure profondo su un tema che certamente ha avuto un’importanza determinante nella sua vita personale, visti i quattro matrimoni, i sei figli e un numero di nipoti e pronipoti tutt’ora in divenire.

Come sempre Elliott Erwitt – spiega Biba Giacchetti “è voluto uscire dai canoni classici e sviluppare il concetto di famiglia in modo libero e provocatorio. Immagini romantiche si alternano a immagini di denuncia (come quella del Ku Klux Klan), fino alla ben nota ironia che vuole assolvere chi elegge a membro prediletto della propria famiglia l’animale più amato, che sia un cane, un maiale o un cavallo, e celebrare così con serietà e sorriso, il sentimento universale che ci lega a chi amiamo”.

ELLIOTT ERWITT – una carriera senza fine

_____________________________________________________________________________________________________

Elliott Erwitt nasce a Parigi da una famiglia di emigrati russi, nel 1928. Passa i suoi primi anni in Italia, a Milano. A 10 anni, si trasferisce in Francia con la sua famiglia e da qui negli Stati Uniti, nel 1939, prima a New York e, due anni dopo, a Los Angeles.

Durante i suoi studi alla Hollywood High School, Erwitt lavora in un laboratorio di fotografia che sviluppa stampe “firmate” per i fan delle star di Hollywood.

La grande opportunità gli viene offerta dall’incontro, durante le sue incursioni newyorchesi a caccia di lavoro, con personalità come Edward Steichen, Robert Capa e Roy Stryker, che amano le sue fotografie al punto da diventare i suoi mentori. Nel 1949 torna in Europa, viaggiando e immortalando realtà e volti in Italia e Francia. Questi anni segnano l’inizio della sua carriera di fotografo professionista. Chiamato dall’esercito americano nel 1951, continua a lavorare per varie pubblicazioni e, contemporaneamente, anche per l’esercito stesso, mentre soggiorna in New Jersey, Germania e Francia.

Nel 1953, congedato dall’esercito, Elliott Erwitt viene invitato da Robert Capa, socio fondatore, a unirsi a Magnum Photos in qualità di membro fino a diventarne presidente nel 1968 per tre mandati. Oggi Erwitt è riconosciuto come uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi. I libri di Erwitt, i saggi giornalistici, le illustrazioni e le sue campagne pubblicitarie sono apparse su pubblicazioni di tutto il mondo per oltre quarant’anni.

Pur continuando il suo lavoro di fotografo, Elliott Erwitt negli anni Settanta comincia a girare film. Tra i suoi documentari, si ricordano Beauty Knows No Pain (1971), Red White and Blue Grass (1973), il premiato dall’American Film Institute The Glass Maker of Herat (1997). Negli anni Ottanta Elliott Erwitt produce diciassette commedie satiriche per la televisione per la Home Box Office.

Dagli anni Novanta fino ad oggi continua a svolgere un’intensa vita professionale che tocca gli aspetti più disparati della fotografia. Ad oggi, i libri di fotografia pubblicati da Erwitt sono più di 45, tra cui The Private Experience (1974), Son of Bitch (1974), Museum Watching (1998), Personal Best (2006), Elliott Erwitt’s Kolor (2013), Found, not Lost (2021).

Tra le sedi espositive più prestigiose dove Erwitt ha presentato i suoi lavori si segnala: Museum of Modern Art e International Centre of Photography a New York, Scavi Scaligeri a Verona, The Chicago Art Institute, The Smithsonian Institution a Washington, The Museum of Modern Art a Parigi (Palais de Tokyo), The Maison Européenne de la Photographie di Parigi,  Museo Reina Sofia Museum di Madrid, The Barbican a Londra, The Royal Photographic Society a Bath, The Museum of Art of New South Wales a Sydney, Spazio Oberdan e MUDEC a Milano, International Center of Photography a New York,  Casa dei Tre Oci a Venezia, Reggia di Venaria Reale a Venaria, Palazzo Ducale a Genova, Villa Bardini a Firenze e molte altre. 

GIORNI E ORARI DI APERTURA

_____________________________________________________________________________________________________


La mostra sarà aperta:Dal Martedì al Venerdì 10 – 17.30 Sabato e Domenica 10 – 18.30Lunedì chiusoUltimo ingresso consentito in mostra un’ora prima dell’orario di chiusura.


Tutte le informazioni sulla mostra sul:sito www.elliotterwitt.it FB /nextexhibitionIG next.exhibition

PREZZI E MODALITA’ ACQUISTO BIGLIETTI

Biglietti a partire da 12 euro + prevendita con il circuito Ticket One.

Biglietti in vendita anche presso il botteghino della Palazzina di Caccia di Stupinigi nei giorni e negli orari di regolare apertura della mostra. 


Azienda leader nella produzione, organizzazione e realizzazione di mostre temporanee a carattere culturale.Oltre alle mostre a carattere tradizionale, Next Exhibition presenta un’offerta di produzioni immersive che sfruttano le più moderne tecnologie digitali, come la virtual reality, gli ologrammi, le proiezioni in videomapping e la tecnologia multisensoriale. Il tutto per coinvolgere l’utente in un’esperienza unica ed avvolgente, rendendo possibile avvicinare target di utenti molto eterogenei, sposando la filosofia dell’edutainment, ovvero educare attraverso l’intrattenimento. La crescita continua della società ha portato Next Exhibition ad operare oltre che a livello nazionale anche in mercati esteri, avendo sedi di distribuzione in Spagna, Regno Unito e USA.

www.nextexhibition.it

Sede LegaleVia Galliano 15, 10129 TorinoSede OperativaC.so Regina Margherita 371/10, 10121 TorinoTel. 011 19214730 Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni     
Lara Martinetto                               pr@nextexhibition.it                               +39 340/6409714






Clicca e segui VivaTorino su  YouTube