Home / coronavirus / Bonucci dona 120.000 mila euro alla Citta della Salute di Torino

Bonucci dona 120.000 mila euro alla Citta della Salute di Torino

Una bella notizia che arriva dallo sport Torinese. Il campione della Nazionale Italiana e difensore centrale della Juventus Leonardo Bonucci insieme alla moglie Martina, ha donato 120.000 euro alla Città della Salute di Torino. Ancora una volta il capitano della Juventus dimostra con la sua sensibilità di essere un campione anche fuori dal campo. Il giocatore è anche protagonista di numerose iniziative sociali ed è stato da sempre molto attivo nella solidarietà. Grazie Leonardo Torino ti ringrazia.

Di seguito il messaggio come verrà utilizzata la donazione e il ringraziamento al giocatore di Luigi Icardi Assessore alla sanità della Regione Piemonte.

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Con la regia della Direzione sanitaria, del dottor Maurizio Berardino (Direttore del Dipartimento Anestesia, Rianimazione ed Emergenza) e del professor Paolo Fonio (Direttore del Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica) i fondi saranno destinati:

– all’acquisto di due ecografi portatili, di cui uno dotato anche di sonde pediatriche, per le Rianimazioni della Città della Salute di Torino, per la valutazione “al letto” dei pazienti in Terapia Intensiva;

– all’acquisto di circa 50 maschere filtranti a circuito d’aria, riutilizzabili, con il materiale di ricambio per circa due mesi di lavoro, da mettere a disposizione del personale in servizio presso le Terapie intensive della Città della Salute. 

Dalla Regione Piemonte, il ringraziamento dell’assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi: «In questi giorni molto difficili per il nostro Servizio sanitario regionale è di conforto incontrare la solidarietà di tante persone che vogliono contribuire, in varia forma, al buon funzionamento della Sanità. Ringrazio i coniugi Bonucci per la loro generosità e spero, ad emergenza finita, di poterli incontrare per una calorosa stretta di mano e un abbraccio, insieme a tutti gli altri benefattori».