Home / In evidenza / (video) a Torino presentato “Olli” il mini bus senza conducente

(video) a Torino presentato “Olli” il mini bus senza conducente

Torino. Ha una autonomia di 50 chilometri e può trasportare fino a 12 persone ad una velocità massima di 45 chilometri orari. Il futuro dei trasporti ha un nome! “Torino”, dove questa mattina è iniziata la sperimentazione – prima in Italia – di Olli. Il minibus elettrico a guida autonoma girerà per quattro mesi lungo i viali del campus delle Nazioni Unite, sulla riva del Po, per poi essere spostato su strada.

Si chiama Olli, è un minibus elettrico a guida autonoma realizzato assemblando parti stampate in 3D: un prodotto per la mobilità urbana sostenibileinnovativo dal punto di vista tecnologico, progettato ponendo particolare attenzione alle caratteristiche di accessibilità e rispettoso dell’ambiente.

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider
Foto OLLI  (3).jpg

Da oggi, a Torino, inizia la sua avventura (il testing su strada): un periodo di prova che durerà quattro mesi, durante i quali lo shuttle svolgerà servizio di trasporto all’interno del campus ITCILO.

Portare la sperimentazione di Olli nel capoluogo piemontese, la prima del genere in Italia, è il risultato di un lavoro sinergico internazionale svolto in collaborazione tra Città di Torino, ITCILO, Reale Mutua e Local Motors e, al contempo, l’esito di una sfida tra città europee, il challenge internazionale di Local Motors, vinta lo scorso annoda Torino (insieme ad Amsterdam)per la selezione dei migliori contesti urbani di sperimentazione dello shuttle a guida autonoma.

A partire da oggi dunque, dipendenti e ospiti del campus ONU ITCILO potranno spostarsi utilizzando Olli e, fino al prossimo maggio, il mezzo a guida autonoma potrà essere così testato in condizioni di mobilità reali e simili a quelle di una strada cittadina.

La visione legata a questa iniziativa va ben oltre la scelta di una particolare tecnologia, perché punta alla realizzazione di una progettualità condivisa con soggetti locali e internazionali per meglio affrontare il cambio di paradigma richiesto dalla mobilità del futuro.

A cominciare dall’ambiente e dal territorio, grazie anche al coinvolgimento del partner IREN, che ha da tempo ampliato la propria area di business al campo della mobilità elettrica, e che potrà quindi garantire un impatto ambientale leggero grazie alla fornitura di fonti energetiche pulite per la carica dello shuttle.

La guida autonoma implicherà un cambio radicale del modello di responsabilità e sicurezza che verosimilmente si sposterà da un conducente a un’intelligenza artificiale, aspetto questo che grazie al significativo contributo al progetto di Reale Mutua in qualità di main sponsor potrà essere oggetto di studio, sperimentazione e innovazione.

Una delle caratteristiche specifiche dello shuttle Olli è rappresentata dalle modalità di produzione delle sue componenti che presentano varie parti stampate in 3D, un aspetto rilevante per Torino poiché tema delle attività di sviluppo di nuove tecnologie svolte dal Competence Center per l’industria 4.0.

Ricerca e innovazione del progetto, attuale e in prospettiva, su temi come intelligenza artificiale, user experience, mobilità, sono potenziate dal coinvolgimento dell’Università degli studi di Torino e, in particolar modo, dal suo centro per l’innovazione transdisciplinare ICxT.

La sperimentazione Olli nel campus delle Nazioni Unite coinvolgerà anche un team di supporto alla sperimentazione composto da giovani cittadini fruitori del “reddito di cittadinanza” e studenti universitari.

A proposito di collaborazioni nell’attività di testing, lo shuttle Olli a guida autonoma è predisposto per essere accessibile anche a persone diversamente abili e, sotto questo aspetto, per verificare l’efficacia di questa funzione, sono previsti momenti di confronto con l’ufficio disability manager della Città di Torino.

‘Dal 1964 il Centro Internazionale di Formazione (ITCILO) ha come missione costruire condizioni di lavoro dignitoso e di giustizia sociale per tutti. Il progetto Olli è un esempio di come il mondo del lavoro cambia ogni giorno sotto la spinta di fattori di innovazione tecnologica, sociale e ambientale e rappresenta quindi per noi un’eccellente opportunità per esplorare le dinamiche del ‘future of work’, il contesto in cui saremo chiamati a proseguire il nostro mandato’. Yanguo LIU, Direttore ITCILO

‘Far crescere l’innovazione, supportarla e rendere il nostro Paese un luogo attrattivo e competitivo nel campo delle nuove tecnologie è un passo essenziale nella nostra crescita e sviluppo. Oggi a Torino vediamo il raggiungimento di un importante traguardo che tante città stanno realizzando grazie alla collaborazione pubblico privata. Come Governo ci stiamo impegnando a fondo affinché le nuove tecnologie possano essere utilizzate come reale supporto al cittadino. E sono certa che questo momento sia sempre più vicino’. Paola PISANO, Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione

‘L’arrivo e l’avvio della sperimentazione di Olli, lo shuttle a guida autonoma che da oggi vedremo circolare lungo i viali del campus torinese delle Nazioni Unite, segna un nuovo successo per la Torino che – attraverso un lavoro di squadra che coinvolge istituzioni pubbliche, sistema universitario e mondo delle imprese – ha creato le condizioni per proporsi a livello internazionale come attrezzato laboratorio urbano per il testing di soluzioni tecnologicamente innovative, con forte attrattività per le imprese, a elevato impatto sociale e, elemento tutt’altro che da sottovalutare, concepite con attenzione alla sostenibilità ambientale’. Chiara APPENDINO, Sindaca di Torino

‘La mobilità del futuro implica un necessario cambio di paradigma, che va ben oltre la tecnologia. Ha impatti nuovi su sostenibilità ambientale e per i cittadini, nuovi servizi a valore aggiunto – come innovativi modelli assicurativi -,  forme di collaborazione tra attori dell’innovazione e dell’ecosistema, nuovi sistemi di produzione come l’additive manufacturing e stampa 3D, nuove competenze da creare e  professionalità da definire. La visione sistemica che caratterizza questa sperimentazione ci rende orgogliosi. La nostra strategia per l’innovazione ‘Torino City Lab’ può solo ambire a crescere con progettualità di respiro internazionale come questa, rendendo la nostra città terreno fertile e attrattivo di idee, innovazioni e investimenti per player del territorio ed esteri. Benvenuto a Torino, OLLI’.Marco PIRONTI, Assessore all’innovazione del Comune di Torino

‘Come Università di Torino siamo partner e sostenitori del lancio della sperimentazione OLLI al campus ITCILO di Torino. Il nostro coinvolgimento nasce dalla priorità che vogliamo dare alla ricerca attraverso Centri interdisciplinari di innovazione come l’ICxT. Si tratta di centri focalizzati su temi fortemente interdisciplinari quali l’intelligenza artificiale, l’user experience, la mobilità del futuro. Siamo, per questo motivo, molto orgogliosi di poter dare una nuova opportunità di studio e di ricerca a docenti e studenti che verranno formati e coinvolti nel progetto OLLI. La ricerca è il motore di UniTo ed è, per il nostro Ateneo, strettamente connessa alla qualità della didattica’. Stefano GEUNA, Rettore dell’Università degli Studi di Torino

Local Motors è entusiasta che il primo progetto avviato in Europa sia all’ ITCILO. ITCILO condivide con LocalMotors i valori di uguaglianza e inclusività. Questa partnership offre l’opportunità di migliorare l’esperienza di mobilità per coloro che si dedicano alla promozione della giustizia sociale e siamo fiduciosi che la collaborazione con ITCILO e RealeMutuadimostrerà i vantaggi della mobilità inclusiva. Non vediamo l’ora di continuare il nostro lavoro insieme per migliorare l’accesso alla mobilità a Torino, in Italia e in Europa. Vikrant AGGARWAL, Presidente Local Motors

‘Siamo molto orgogliosi di contribuire a realizzare un progetto innovativo per l’Italia come quello di promuovere la circolazione sperimentale di veicoli per il trasporto urbano di persone a totale conduzione autonoma e a basso impatto ambientale grazie alla loro alimentazione elettrica. Il paradigma della mobilità sta cambiando sempre più velocemente e noi di Reale Group siamo tra i primi in Italia ad avvicinarci ai temi tecnico-assicurativi associati al mondo della guida autonoma. Reale Mutua ricopre due ruoli all’interno dell’iniziativa: come main sponsor sostenendo in modo concreto lo sviluppo e la diffusione di questa nuova tecnologia, come assicuratore garantendo la responsabilità per danni cagionati a terzi potenzialmente causati dalla circolazione del veicolo durante il periodo di sperimentazione presso il campus’. Luigi LANA, Presidente di Reale Mutua

Iren è da sempre attenta a progetti innovativi che possano generare valore per il territorio e contribuire al miglioramento dei servizi offerti ai cittadini. Il tema della mobilità elettrica, a cui applicare elementi di innovazione come la guida autonoma, costituisce un driver di assoluto interesse per il nostro Gruppo. Attraverso IrenGo, la nostra linea di business dedicata alla e-mobility, abbiamo sviluppato negli ultimi mesi diversi progetti di mobilità sostenibile sui territori in cui siamo presenti, a vantaggio della qualità ambientale delle nostre città e di conseguenza della vita dei cittadini. Renato BOERO, Presidente di IREN

Per CIRFOOD sostenibilità e innovazione sono aspetti irrinunciabili, perché crediamo siano ingredienti fondamentale per il successo di lungo periodo di un’azienda. Ogni anno investiamo in progetti di promozione della cultura alimentare, prevenzione dello spreco, riduzione dell’impronta ecologica sul pianeta; nonché a valorizzare il contributo delle nostre persone nella promozione di buone pratiche per una quotidianità ed un futuro sempre più sostenibili, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU, punto di riferimento anche per la nostra impresa. Chiara NASI, Presidente Cirfood

‘“Future is Now!” È proprio per la volontà di voler agire adesso che il progetto Olli si inserisce bene all’interno del percorso di innovazione intrapreso da circa dieci anni dalla nostra azienda. Sviluppo tecnologico, digitalizzazione e attenzione all’impatto ambientale sono aspetti che hanno caratterizzato la nostra cultura di impresa e che ci proiettano al futuro. Con 90 anni di esperienza alle spalle vogliamo continuare a essere protagonisti negli anni a venire, quando la guida autonoma porterà nel nostro settore a dei cambiamenti radicali. Abbiamo quindi voluto fin dall’inizio essere parte attiva di questo progetto: il futuro è ora e noi ci siamo’.  Giovanni BIANCO, Amministratore Autolinee Nuova Benese

Torino. Ha una autonomia di 50 chilometri e può trasportare fino a 12 persone ad una velocità massima di 45 chilometri orari. Il futuro dei trasporti ha un nome! “Torino”, dove questa mattina è iniziata la sperimentazione – prima in Italia – di Olli. Il minibus elettrico a guida autonoma girerà per quattro mesi lungo i viali del campus delle Nazioni Unite, sulla riva del Po, per poi essere spostato su strada.

Primi passeggeri dello shuttle, questa mattina, la sindaca di Torino Chiara Appendino e il ministro all’Innovazione Paola Pisano. ‘Olli’ è il risultato di quella che Appendino ha definito una “sinergia” tra vari soggetti, tra cui la Città, Itcilo, Reale Mutua, Locar Motors – l’azienda americana che lo produce – e l’Università di Torino. La sperimentazione coinvolgerà anche studenti universitari e cittadini destinatari del reddito cittadinanza che, dopo due mesi di formazione, illustreranno ai passeggeri il funzionamento del minibus. (Fonte Facebook Chiara Appendino)

.

Le parole del ministro Paola Pisano