Home / Notizie / Torino vicina alle vittime di Barcellona: Mole spenta in segno di lutto e bandiere a mezz’asta

Torino vicina alle vittime di Barcellona: Mole spenta in segno di lutto e bandiere a mezz’asta

La Città di Torino nella giornata odierna mostrerà il proprio cordoglio per le 14 vittime e gli oltre 100 feriti dell’attentato terroristico di Barcellona accaduto ieri pomeriggio, giovedì 17 agosto 2017.




TORINO OMAGGIA I CADUTI DELLA STRAGE DI BARCELLONA

A partire dalle ore 12:00 di oggi, venerdì 18 agosto, tutte le bandiere presenti fuori dagli edifici istituzionali verranno tenute a mezz’asta in segno di lutto. Inoltre, questa sera, a partire dalle ore 22:00, il simbolo per eccellenza della Città, la Mole Antonelliana, verrà spento, sempre in segno di vicinanza alle vittime dell’attentato menzionato.

venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
venerdi 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
sabato 15 giungo dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
previous arrow
next arrow
Slider
venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello
Ristorante il Giardino tutti i martedi aperitivo con "merenda Sinoira"
sabato 15 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
venerdì 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
previous arrow
next arrow
Slider

Un anno fa, il 15 luglio 2016, sulla Mole era stata proiettata la bandiera della Francia, come segno di cordoglio alle vittime della strage di Nizza.




LE PAROLE DELLA SINDACA DI TORINO

Ieri sera, qualche ora dopo l’attentato sulla Rambla di Barcellona, la sindaca Chiara Appendino, una volta venuta a conoscenza della notizia, ha pubblicato sul suo profilo personale di Twitter la seguente nota: «Ancora una volta, purtroppo ci troviamo a seguire con apprensione notizie terribili. Un pensiero alle vittime e ai parenti».

Ricordiamo infine che, diversi piemontesi erano presenti ieri, da quanto riportato, sul luogo della tragedia, ma per fortuna stanno tutti bene.

Servizio a cura di Antonello Preteroti