Home / In evidenza / Torino: una delle Città d’arte d’Italia più visitate nel weekend allungato di Pasqua e Pasquetta

Torino: una delle Città d’arte d’Italia più visitate nel weekend allungato di Pasqua e Pasquetta




La città di Torino, risulta secondo le prime stime, tra le Città d’arte d’Italia più visitate nel corso delle festività di Pasqua e Pasquetta 2017.

Secondo i dati di Ascom e Federalberghi, gli alberghi torinesi hanno riempito oltre l’80 per cento delle loro camere: più del 5 per cento di presenze rispetto allo scorso anno, di cui il 35% rappresentato da persone straniere e il 59% da turisti provenienti da altre regioni italiane.

Numerose le famiglie, che hanno deciso di trascorrere questi giorni di festa a Torino e, vedendo anche i dati positivi di crescita, Maurizio Montagnese, presidente di Turismo Torino e Provincia, ha dichiarato:

Il centro di Torino visto dall’alto

“Non possiamo che esprimere soddisfazione per gli ottimi risultati di questi giorni. Un dato che conferma come la nostra città sia entrata a pieno titolo nei circuiti turistici nazionali e internazionali.”

Tra i poli culturali più visitati, troviamo al primo posto la Reggia di Venaria con 35.133 ingressi nei tre giorni di festa (da sabato 15 a lunedì 17 aprile 2017), ben 10 mila in più rispetto allo scorso anno; l’immancabile Museo Egizio, anch’esso luogo simbolo della Città, con più di 22 mila biglietti staccati in quattro giorni di attività (da venerdì 14 a lunedì 17 aprile); la Fondazione Torino Musei, che ha riscosso molto successo a Palazzo Madama e alla Gam, ma soprattutto al Borgo Medievale, situato al Parco del Valentino, che, anche grazie alle bancarelle allestite per il mercatino pasquale, è stato visitato da 7.600 persone; i Musei Reali di Torino che, cambiato da poco il logo, hanno staccato più di 8 mila biglietti, con un flusso costante, nel corso dei quattro giorni festivi; ultimo, ma non ultimo in classifica naturalmente, il Museo dell’Auto, dove è attualmente in corso la mostra “Crossroads“, che è stato visitato da 4.660 persone.


Servizio a cura di Antonello Preteroti