Home / Notizie città / Torino: sulla tratta Torino-Milano arrivano i nuovi treni Fast, in sostituzione dei Frecciabianca

Torino: sulla tratta Torino-Milano arrivano i nuovi treni Fast, in sostituzione dei Frecciabianca

A partire da oggi, lunedì 30 gennaio, saranno in funzione quattro linee di treni regionali, denominate “Fast“, le quali percorreranno la tratta Torino-Milano in sostituzione dei Frecciabianca.

 

Richeisti dall’Amp (Agenzia per la Mobilità Piemontese) e finanziati dalla Regione Piemonte, con l’intento di aumentare la frequenza nelle ore di punta e accorciare le distanze tra la nostra Città e il capoluogo lombardo.

A tal proposito, il tempo impiegato da questi nuovi treni, che partiranno da Torino Porta Susa fino a raggiungere Milano Porta Garibaldi, sarà di un’ora e 33 minuti. Questo è dovuto anche al fatto che, i treni in questione, dopo Torino, si fermano soltanto a Vercelli, Novara e Rho, fino a raggiungere Milano Porta Garibaldi, con tempi di percorrenza pari o inferiori a quelli dei Frecciabianca cancellati da Trenitalia.

 

I nuovi treni “Fast” partiranno da Torino Porta Susa fino a raggiungere Milano Porta Garibaldi

Queste nuove linee saranno in funzione dal lunedì al venerdì, in orario di punta e, i biglietti, per l’intera tratta Torino-Milano, costeranno 12,45 euro l’uno. In alternativa, per i viaggiatori che necessitano di muoversi frequentemente tra i due Capoluoghi di Regione, sono disponibili gli abbonamenti mensili al costo di 159,10 euro.

Stadio Olimpico Grande Torino 17\07\19
info biglietti
Tutti gli eventi PalaAlpitour
Biglietti per tutti gli spettacoli
previous arrow
next arrow
Pala Alpitour 14-15 febbraio 2019 info biglietti
Stadio Olimpico Grande Torino 17\07\19
info biglietti
Tutti gli eventi PalaAlpitour
Biglietti per tutti gli spettacoli
previous arrow
next arrow
Slider

 

 

 

 

In merito al rincaro dei prezzi degli abbonamenti mensili di Trenitalia, l’assessore ai Trasporti della Regione Francesco Balocco, ci ha tenuto ha precisare che:

“Sia pure di minima entità, questi aumenti non sono in alcun modo imputabili alla Regione, ma sono l’effetto di una complicata disposizione nazionale che viene applicata alle tariffe delle tratte sovraregionali”.

 

Servizio a cura di Antonello Preteroti