Home / FATTI DEL GIORNO / Torino: la Reggia di Venaria sempre più internazionale, si aggiudica la terza “stella verde” Michelin

Torino: la Reggia di Venaria sempre più internazionale, si aggiudica la terza “stella verde” Michelin




La Reggia di Venaria, che quest’anno festeggia i dieci anni dalla sua riapertura, dopo gli ottimi risultati dei giorni scorsi, torna a far parlare di sé grazie alla terza stella Michelin, data dalla guida francese “Italie du Nord, che la incorona come una delle principali bellezze italiane:




“Questa Versailles del Piemonte ha ritrovato tutta la sua maestà grazie a un paziente restauro; – ha sottolineato Philippe Orain, responsabile editoriale di Le Guide Vert MichelinTorino è una delle più belle città d’Europa. Ormai è una città-mondo, si può visitare per quattro, cinque giorni senza riuscire comunque a vederla tutta”, ha poi continuato, annunciando inoltre l’arrivo, nel 2018, di una guida tascabile dedicata a Torino, alle Langhe, al Roero e al Monferrato.

La Reggia di Venaria Reale

Anche la Galleria Grande all’interno della Reggia ottiene la terza stella Michelin, divenendo importante come la “Galerie des Glaces” della Reggia di Versailles. Mario Turetta, direttore della Reggia, ha commentato la notizia come segue:

“Una grande soddisfazione, un grande orgoglio. La terza stella è un riconoscimento importante per la Reggia che quest’anno festeggia i dieci anni dalla riapertura e i venti dall’iscrizione al Patrimonio mondiale dell’Unesco. Il merito è delle amministrazioni, sia quelle precedenti sia quella attuale, che hanno consentito di restaurare Venaria e riportarla agli onori del mondo. Dieci anni fa la Reggia era destinata a un epilogo tragico, oggi è uno dei luoghi più visitati in Italia”.

La città di Torino dispone di tre musei, situati ai vertici dei musei più riconosciuti e apprezzati d’Italia: il Museo Egizio, che si piazza al vertice, primeggiando su tutti; il Museo del Cinema, al terzo posto e, il Museo dell’Auto, al quarto posto della classifica.

Servizio a cura di Antonello Preteroti