Home / In evidenza / Torino, cultura: oltre 100 mila visitatori per la mostra sugli Zar alla Reggia di Venaria

Torino, cultura: oltre 100 mila visitatori per la mostra sugli Zar alla Reggia di Venaria

Un altro grande risultato appena ottenuto dalla Reggia di Venaria: la mostra “Meraviglie degli Zar – I Romanov e il Palazzo Imperiale di Peterhof“, chiusa al pubblico il 29 gennaio, dopo 170 giorni di apertura, ha totalizzato un’affluenza complessiva di oltre 100 mila persone (106.490, per l’esattezza).

 

La mostra prevedeva la visita del Palazzo Imperiale di Peterhof, uno dei complessi di palazzi e fontane più sontuosi d’Europa, attraverso grandi proiezioni, immagini e un centinaio di opere tra dipinti, abiti, porcellane, arazzi ed oggetti preziosi provenienti dalle sale auliche di Peterhof, i quali avevano l’intento di rievocare una delle più importanti e prestigiose residenze dei Romanov, oggi meta principale del turismo culturale in Russia.

 

La Reggia di Venaria ha ospitato dal 16 luglio 2016 al 29 gennaio 2017 la mostra “Meraviglie degli Zar”

Sito in un grande parco sulle rive del Mar Baltico vicino a San Pietroburgo, il primo palazzo di Peterhof fu costruito da Pietro il Grande (da cui ha origine il nome), al quale si aggiunsero nel corso degli anni altri splendidi edifici e giardini voluti dai successivi sovrani russi, da Caterina la Grande fino a Nicola II.

 

 

 

 

 

Il percorso di visita era costituito da una presentazione iniziale del Palazzo Imperiale di Peterhof e dei personaggi che lo abitarono, a cominciare dal grande arazzo di Pietro il Grande. In seguito, tutti i visitatori, venuti alla mostra in questione, hanno potuto ammirare una selezione di oggetti, acquistati dai Romanov durante i loro viaggi in Europa negli spettacolari Gran Tour e quelli, invece, commissionati dagli Zar agli artisti e artigiani russi, i quali sono stati disposti in mostra, in modo tale che potessero ricreare lo sfarzo della corte russa ed i rapporti intercorsi nell’arco dei secoli tra i Romanov ed i Savoia.

Servizio a cura di Antonello Preteroti