Home / Cronaca / Torino, cronaca: rinnovato di un anno l’appalto per i nidi d’infanzia

Torino, cronaca: rinnovato di un anno l’appalto per i nidi d’infanzia

È stata approvata ieri, martedì 9 maggio 2017, la delibera per l’appalto relativo ai 16 nidi già affidati a gestione esterna. Si tratta dei 9 nidi dati in concessione nel 2012, più quelli, precedentemente gestiti con appalto, poi passati anch’essi in concessione. Le valutazioni condotte in questi mesi hanno confermato che, allo stato attuale, non risulta possibile prevedere una internalizzazione delle strutture poiché le risorse finanziarie disponibili non consentirebbero una gestione diretta. La delibera prevede che l’appalto, annuale, sia rinnovabile per un ulteriore anno.




Questa decisione consentirà di dedicare, per scelte di più lungo periodo, un tempo consono all’analisi e alla valutazione, con l’ascolto di tutti i soggetti coinvolti, delle opzioni possibili per individuare modalità organizzative e gestionali del servizio che tengano conto della sostenibilità economica, nel rispetto delle linee guida dell’offerta educativa della Città. Ciò si rende necessario alla luce della cornice normativa e finanziaria entro la quale si muovono gli Enti Locali, e, in particolare la Città di Torino, e in considerazione delle notevoli innovazioni nel campo dei contratti di concessione dei servizi introdotte dal nuovo Codice degli Appalti.




“Occorre tenere conto della sostenibilità economica di un servizio che per noi è prioritario, ma che oggi non possiamo negare sia in difficoltà”  dichiara l’Assessora Federica Patti. È anche in virtù di una tradizione educativa forte della nostra Città, riconosciuta da realtà italiane quanto straniere – proprio in questi giorni una delegazione della città di Glasgow è qui per studiare i nostri modelli e le nostre pratiche di inclusione scolastica – che abbiamo il dovere, pur a fronte di tutte le difficoltà economiche, cercare le modalità migliori per mantenere la qualità dei nostri servizi” conclude l’Assessora.

Servizio a cura di Antonello Preteroti