Home / In evidenza / Torino, biglietti e abbonamenti Gtt: ecco cosa cambia e tutte le novità previste

Torino, biglietti e abbonamenti Gtt: ecco cosa cambia e tutte le novità previste

A partire da ieri, martedì 11 luglio 2017, a seguito di un accordo stipulato con un istituto di creditogli utenti Gtt possono rateizzare l’acquisto di tutti i tipi di abbonamenti, sia quelli urbani sia quelli del sistema Formula. “L’iniziativa – spiega l’azienda – è un aiuto importante per le famiglie, impegnate in questo periodo nella sottoscrizione degli abbonamenti speciali studenti relativi al prossimo anno scolastico. Tra l’altro, va segnalato che, con un unico finanziamento sarà possibile gestire tutti gli abbonamenti del nucleo famigliare”.




L’importo totale da pagare, per i vari abbonamenti, potrà essere rateizzato dai richiedenti, per un massimo di 10 rate annue e, per farlo, basterà avere a disposizione la stessa documentazione necessaria per l’acquisto di un nuovo abbonamento, ovvero:

  • Documento d’Identità valido;
  • tessera sanitaria o codice fiscale o permesso di soggiorno (per i cittadini extra comunitari);
  • la carta BIP per l’attivazione dell’abbonamento.

Per avere ulteriori informazioni, e per consultare le modalità di acquisto degli abbonamenti, consultate il sito dell’istituto di credito in questione oppure chiamate l’istituto ai numeri  011 6599631 011 797458 0124 425507.

COSA CAMBIA PER I BIGLIETTI E GLI ABBONAMENTI GTT

Passa da 90 a 100 minuti la validità del biglietto per tutti i mezzi pubblici presenti a Torino. È questa un’altra delle novità annunciate dall’assessore comunale ai trasporti Maria Lapietra, durante l’ultima diretta Facebook della giunta della Sindaca Appendino – la quale ha anche spiegato che – “Verrà poi lanciato un abbonamento giornaliero, che al prezzo di due corse singole (3 euro circa), permetterà di utilizzare i mezzi pubblici per l’intera giornata“.




Gli abbonamenti agevolati non riguarderanno più solo gli studenti universitari, ma verrà introdotta una nuova “etichetta”, che riguarderà tutti i giovani dai 0 fino ai 26 anni, e i prezzi varieranno a seconda del reddito ISEE di cui uno dispone. Previste riduzioni anche per gli anziani, anche loro a seconda della fascia d’ISEE di appartenenza.

Lapietra ha concluso dicendo che “non ci sarà più la divisione su zona urbana e suburbana, ma verrà creata una tariffa unica”.

Vi ricordiamo che, dal 4 luglio 2017, in ogni stazione della metropolitana è già possibile acquistare il carnet elettronico da 15 corse valido sia sulla rete urbana che suburbana, mentre non sarà più in vendita il settimanale “Formula U chip on paper“.

Servizio a cura di Antonello Preteroti