Home / In evidenza / TORINO ADERISCE ALLA CAMPAGNA “PLASTIC FREE CHALLENGE”: LINEE GUIDA PER ELIMINARE LA PLASTICA MONOUSO DALLE SEDI COMUNALI

TORINO ADERISCE ALLA CAMPAGNA “PLASTIC FREE CHALLENGE”: LINEE GUIDA PER ELIMINARE LA PLASTICA MONOUSO DALLE SEDI COMUNALI

La Città di Torino aderisce alla campagna “Plastic free challenge” lanciata dal ministero dell’Ambiente e si dà alcune linee guida per condividerne gli obiettivi. Con questa campagna il ministero intende liberare le sue sedi dalla plastica monouso attivando alcune buone pratiche nei suoi uffici e invitando altre amministrazioni e istituzioni a fare altrettanto.

Il messaggio lanciato dal ministero dell’Ambiente è “ognuno di noi deve dare qualcosa a questo Paese”, a cominciare dalle istituzioni che devono dare per prime il buon esempio. E infatti molte amministrazioni si stanno indirizzando verso l’adozione degli obiettivi di “Plastic free”. A cominciare dalla Regione Piemonte il cui Consiglio regionale ha adottato una mozione in tal senso.

previous arrow
next arrow
Slider
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
previous arrow
next arrow
Slider

Le linee guida che la Giunta comunale oggi approva, proposte dall’assessore all’Ambiente Alberto Unia di concerto con gli assessori Alberto Sacco e Sergio Rolando e da applicare nelle sedi comunali, si possono riassumere in cinque punti:

–          L’adeguamento dei contratti di fornitura delle macchine automatiche erogatrici, per eliminare la distribuzione di bottigliette d’acqua naturale, l’aumento dei punti d’acqua refrigerata con l’uso di bicchieri riutilizzabili, come già avviene a titolo sperimentale negli uffici dell’Anagrafe di via della Consolata; favorire la raccolta differenziata della plastica nelle sedi comunali di imballaggi di plastica monouso, in particolare di quelli collegati al consumo di cibi e bevande.

–          Estendere progressivamente alle sedi comunali assegnate in concessione (es. impianti sportivi, o spazi affidati ad associazioni) le stesse pratiche e approvare accordi con attività commerciali private per coinvolgerle in questo obiettivo.

–          La plastica sparirà anche da catering organizzati dalla Città in occasione di eventi e incontri.

–          Questa gestione ecosostenibile si applicherà poi agli eventi che si terranno in città; verrà approfondito il tema alla luce della certificazione UNI ISO 20121 e di altri contributi offerti dai progetti europei.

–          Nei confronti dei suoi dipendenti, inoltre, l’Amministrazione comunale attiverà una campagna di sensibilizzazione e di informazione su “Plastic free challenge” anche con riferimento al potenziamento dell’applicazione dei Criteri minimi ambientali (Cam) in tutte le procedure di acquisto di beni, servizi e forniture.

“Abbiamo posto tra gli obiettivi principali di questa Amministrazione l’adozione dell’economia circolare quale modello di sviluppo ed è cresciuto l’investimento nella raccolta differenziata per raggiungere gli obiettivi europei. In quest’opera è necessario che tutti i cittadini, a cominciare da quelli che lavorano negli uffici comunali, facciano la loro parte. Con questa azione imprimiamo una accelerazione verso un modello di città più sensibile e attenta alle esigenze dell’ambiente, portando per primi l’esempio attraverso l’adozione di scelte coerenti con obiettivi che devono diventare patrimonio di tutti i cittadini”, ha affermato l’assessore Alberto Unia.