Home / In evidenza / Si chiude il Salone 2019 con 148 mila visitatori e già le date del 2020

Si chiude il Salone 2019 con 148 mila visitatori e già le date del 2020

«I cancelli del Lingotto a un certo punto si sono aperti e si è presentata la comunità del Salone. Una comunità densa, solida, bella, viva e reale. Ed è la vera forza del Salone, ed è la vera speranza che questi tempi concedono. L’affluenza ha superato ogni record, ci vediamo l’anno prossimo.»

Si chiude così il Salone Internazionale del Libro di quest’anno, la XXXII edizione svolta dal 9 al 13 maggio 2019, con le parole del direttore Nicola La Gioia.

venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
venerdi 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
sabato 15 giungo dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
previous arrow
next arrow
Slider
venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello
Ristorante il Giardino tutti i martedi aperitivo con "merenda Sinoira"
sabato 15 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
venerdì 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
previous arrow
next arrow
Slider

Il tema era “Il gioco del mondo” e trattava questioni importanti e necessarie come la Cittadinanza, i Diritti e i Doveri verso il pianeta e la Rabbia sociale. Anziché un Paese ospite, quest’anno il Salone ci ha regalato una lingua ospite, lo spagnolo, protagonista di numerosi e strepitosi incontri e appuntamenti che collegavano autori e autrici della Spagna, dell’Argentina, del Cile, Cuba e Messico.

Seppur iniziata con qualche polemica, l’edizione 2019 si è rivelata un grande successo etichettando quello di Torino come il più grande e importante salone del libro d’Italia con 148.000 visitatori e un 10% in più nelle vendite degli ingressi e dei titoli delle case editrici.

Dati i grandissimi numeri di quest’anno, si è già decisa la data del prossimo: nel 2020 Torino sarà di nuovo città del libro dal 14 al 18 maggio. Non possiamo che aspettare impazienti!

Di Giulia Lopopolo

(Foto di Martina Angius e Giulia Lopopolo)