Home / manifestazioni / MosaicoTorino: in meno di 50 giorni 5.184 fotografie completano il primo mosaico

MosaicoTorino: in meno di 50 giorni 5.184 fotografie completano il primo mosaico

#MosaicoTorino: tutte le 5184 fotografie, che in meno di 50 giorni hanno completato il 1° mosaico

#MosaicoTorino è un’installazione di arte pubblica site-specific ideata dal collettivo artistico
torinese Dead Photo Working. Il progetto è promosso dall’associazione culturale 4k con il
patrocinio della Città di Torino, della Circoscrizione n. 3 e di AFIP ed è realizzato in collaborazione
con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e UltraSpazio Coworking Torino, l’Assessorato
Cultura della Città di Torino, Turismo Torino e Provincia, il Museo Nazionale della Montagna,
Synesthesia e la community ufficiale degli Instagramers di Torino.

Sono bastati meno di 50 giorni per completare il primo #MosaicoTorino. Alle ore 19:18 di martedì
13 dicembre la 5.184esima fotografia pubblicata su Instagram con l’hashtag #mosaicotorino è
andata a posizionarsi nell’ultima tessera disponibile dell’installazione accesa presso la Fondazione
Sandretto Re Rebaudengo il 28 ottobre u.s. in occasione dell’inaugurazione della XIXesima
edizione di Luci d’artista. Di fronte allo sguardo degli autori e di quanti si sono fermati incuriositi
dal capannello di persone che guardavano la proiezione, l’installazione ha completato il mosaico per
poi svuotarsi e ricominciare da zero il processo di riempimento. Contemporaneamente, il software
che gestisce l’installazione ha realizzato uno screenshot che diventerà nei prossimi giorni una
stampa in tiratura limitata, nonché l’immagine di alcuni prodotti realizzati appositamente dai
partners del progetto per la campagna di crowdfunding che partirà in concomitanza con le feste
natalizie.
I dati significativi che accompagnano questo primo riempimento (più di 100 fotografie pubblicate al
giorno) alimentano la volontà del collettivo Dead Photo Working di mantenere l’installazione
accesa fino al 15 gennaio p.v. Come conferma Alessandro Ottenga, curatore del progetto, “complice
la concomitanza e la collaborazione con grandi realtà come Luci d’Artista, ContemporaryArt Torino
Piemonte, ClubToClub, Torino Film Festival, la partecipazione del pubblico è andata
indubbiamente oltre ogni aspettativa. Allo stesso tempo, ci siamo resi conto che malgrado la
quotidianità di tutti noi sia fatta di immagini e di condivisioni, l’intenzione e il gesto di pubblicare le
proprie fotografie all’interno di un progetto di arte pubblica così come le possibilità di interagire con
essa non hanno ancora acquisito la spontaneità e la consapevolezza attese. Pertanto, siamo convinti
che il progetto abbia ancora un buon margine di sviluppo, in particolare nel momento in cui si
genererà un passaparola virtuoso tra tutti coloro che hanno già riconosciuto o riconosceranno il
senso di questo progetto e il potenziale che esso può avere nel racconto della nostra città”.
L’installazione sarà pertanto attiva e in divenire fino al 15 gennaio 2017 ovvero continuerà ad essere
accesa tutti i giorni dalle 17:30 alle 24:00 sulla parete esterna della Fondazione Sandretto Re
Rebaudengo (lato Via Spalato); ugualmente, il live streaming dell’installazione continuerà ad essere
visibile ogni giorno h24 sul sito www.deadphotoworking.com.

Commenta su Facebook