Home / FOTO / L’attrice Giovanna Mezzogiorno ha deciso di far crescere i suoi figli a Torino: ecco spiegatone il motivo

L’attrice Giovanna Mezzogiorno ha deciso di far crescere i suoi figli a Torino: ecco spiegatone il motivo

L’attrice romana Giovanna Mezzogiorno, che attualmente sta preparando due film con due grandi registi italiani, sabato 6 maggio 2017, ha raccontato a “Il bello dell’Italia”, un evento tenutosi al Grattacielo Intesa San Paolo e organizzato dal Corriere della Sera, i motivi per i quali ha deciso di lasciare la capitale, per vivere stabilmente a Torino.




“Sono a Torino da cinque anni, ho due bimbi gemelli di cinque anni, mio marito è torinese. La scelta di vivere qui è legata anche a questo aspetto, ma Torino mi ha colpita positivamente, perché è una città di grandissima civiltà, molto aperta e tollerante” – spiega l’attrice, che continua poi il suo intervento parlando della sua Città natale – “Roma la amo ma, è molto incivile, per quanto riguarda ospitalità e l’accoglienza e l’integrazione, è una città molto sgangherata e brutale. Ci sono dei tentativi di chi lavora nel sociale, ma è un grande calderone di tentativi quasi mai riusciti davvero bene e non so perché. A Torino, invece, ho trovato una grandissima capacità di accogliere”.

“Non so se sia una cultura della città, che ha una storia di accoglienza lunga, perché qui è venuto tutto il Meridione, forse questo c’è come imprinting. È un luogo questo in grado di gestire bene l’integrazione, in modo accurato, ordinato e scientifico. E questo essendo madre mi piace, pensare che i miei figli crescano in una città così, con dei valori” – sottolinea la Mezzogiorno.




Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, anch’egli intervenuto all’incontro menzionato, ha voluto esprimere le seguenti parole in merito: “Siamo nati nel 1964 col desiderio di abbattere la fame nel mondo. Noi abbiamo scritto al Presidente della Repubblica quello che vorremmo: che tutti i bambini che nascono e vanno a scuola in Italia devono essere italiani. Se no, cresceranno diversi e con odio sottile e noi vogliamo disinnescare l’odio”.

Servizio a cura di Antonello Preteroti