Home / In evidenza / Torino Atp Finals dal 2021, entro le 24 di oggi servono le garanzie del Governo. Speranza appesa a un filo…

Torino Atp Finals dal 2021, entro le 24 di oggi servono le garanzie del Governo. Speranza appesa a un filo…

la Lega dice no, e svanisce così il sogno di portare il grande tennis sotto la Mole per 5 anni

La città di Torino, tramite la sindaca Chiara Appendino, si è candidata per ospitare le Apt finals di tennis del 2021, il governo però dice nuovamente no alla città. Durante la riunione del consiglio dei ministri, infatti, Lega e Movimento Cinque Stelle non hanno trovato un accordo per i 78 milioni di euro che sarebbero serviti a Torino per proseguire nella gara per aggiudicarsi questo importante evento organizzato a Londra, e che conclude la stagione tennistica.

venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
venerdi 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
sabato 15 giungo dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
previous arrow
next arrow
Slider
venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello
Ristorante il Giardino tutti i martedi aperitivo con "merenda Sinoira"
sabato 15 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
venerdì 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
previous arrow
next arrow
Slider

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti, non è riuscito a sciogliere i suoi dubbi sull’impegno dello Stato sulla tassa che l’Apt ha chiesto per scegliere la nuova città. Entro il 15 febbraio il governo infatti avrebbe dovuto spedire una lettera dove nel caso in cui la città di Torino si fosse aggiudicata l’evento, si impegnava a riconoscere 18 milioni il primo anno e altri 15 per i seguenti 4 anni.

Teoricamente per spedire questa lettera vi era tempo fino alle ventiquattro di oggi 15 febbraio 2019, ma sembra che la pratica sia orami definitivamente archiviata, dando così un ulteriore offesa alla città.

Malgrado la sindaca Appendino e il presidente della Camera di Commercio Vincenzo Illotte abbiano fatto parecchie pressioni, ecco che Torino viene nuovamente disdegnata dopo aver ricevuto il no per le olimpiadi del 2026. Ed è proprio Illotte a dichiarare che gli Atp di tennis sarebbero stati un’ottima occasione per rilanciare il nome della città di Torino.

Il Governo è diviso

Sembra però che il governo sia ormai diviso da diverse settimane. Da un lato vi è infatti il sottosegretario Simone Valente che è il responsabile dello sport del Movimento Cinque Stelle. Egli era favorevole alla candidatura della sindaca Chiara Appendino, e di conseguenza spingeva per un pieno impegno da parte del Governo.

Dall’altra parte abbiamo invece Giorgetti che invece opponeva resistenza e chiedeva addirittura un passaggio in Parlamento. Ma non è tutto perché c’è anche gente che in tutta questa situazione ci vede anche una sorta di ripicca legata proprio all’assegnazione dei Giochi Olimpici 2026 a Milano e Cortina, con l’impegno che il Governo non mettesse nemmeno un euro.

L’impegno fu chiesto dai Cinque stelle, dunque adesso sembra che la Lega si vendichi demolendo il sogno della sindaca Appennino. Orami però il tempo è ufficialmente scaduto, perché come ha spiegato Evelina Christillin, non saranno previste proroghe. Le organizzazioni come l’Atp infatti hanno delle scadenze molto rigide.

Per la città di Torino resta ormai soltanto una profonda amarezza per l’ennesima occasione sfumata, che avrebbe potuto portare alla città parecchi turisti ed investimenti.