Home / manifestazioni / Il Teatro Regio in tournée a Edimburgo, dal 18 al 27 agosto 2017: ecco il programma completo degli appuntamenti previsti

Il Teatro Regio in tournée a Edimburgo, dal 18 al 27 agosto 2017: ecco il programma completo degli appuntamenti previsti

IL TEATRO REGIO DI TORINO

AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI EDIMBURGO 

previous arrow
next arrow
Slider
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
previous arrow
next arrow
Slider

Il Regio ospite d’onore del 70° Edinburgh International Festival

Gianandrea Noseda sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio
con Macbeth di Verdi, La bohème di Puccini e il Requiem di Verdi

Edinburgh, 18 – 27 agosto 2017

Grazie agli unanimi consensi ottenuti in ogni tournée e alla qualità delle produzioni presentate nel corso delle Stagioni, il Teatro Regio di Torino continua a ricevere molti inviti all’estero. Dopo le trionfali tournée a Tokyo, Shanghai, San Pietroburgo, Parigi, Stati Uniti, Canada, Hong Kong, Savonlinna, Ginevra, per citare le più importanti, ritorniamo quest’anno a Edimburgo.




L’Edinburgh International Festival, per celebrare il suo 70° anniversario, ha invitato il Regio come ospite d’onore dell’edizione 2017, riservando dieci giorni di programmazione nei quali proporremo La bohème di Puccini, con la regia di Àlex Ollé, Macbeth di Verdi, con la regia di Emma Dante e il Requiem di Verdi. Un totale di otto date, tutte dirette da Gianandrea Noseda, sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio, quest’ultimo istruito da Claudio Fenoglio.

Venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 agosto, al Festival Theatre, inauguriamo la nostra presenza a Edimburgo con la messa in scena del Macbeth di Giuseppe Verdi. Presentare la “tragedia scozzese”, in Scozia, è una bella scommessa per un teatro italiano. Con questo titolo il genio di Verdi si confronta per la prima volta con il teatro di Shakespeare, raggiungendo vertici assoluti. La scelta del titolo è un omaggio all’importante ricorrenza del Festival che inaugurò, nel 1947, proprio con quest’opera. Gianandrea Noseda prosegue con questo titolo il suo percorso di approfondimento del repertorio verdiano. Afferma il Direttore musicale del Regio: «Macbeth è una digressione geniale che gioca d’anticipo sui gusti dell’epoca. Sembra quasi un laboratorio nel quale Verdi sperimenta un modo innovativo di intendere il teatro. La novità della scrittura, l’imprevedibilità dell’impianto narrativo, la scelta dei colori orchestrali creati da Verdi, lasciano sbalorditi ancora oggi». Emma Dante, artista dal forte temperamento mediterraneo, propone un Macbeth viscerale, denso e profondo. La maternità, la passione, il corpo, il potere al femminile: la regista presenta tutta la sua poetica in questo allestimento dell’opera verdiana. Un cast internazio-nale di artisti ai massimi livelli, interpretano la partitura. Protagonista del titolo è il baritono Dalibor Jenis, il soprano Anna Pirozzi interpreta Lady Macbeth, il basso Marko Mimica interpreta Banco e il tenore Piero Pretti Macduff. L’allestimento è stato realizzato in coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo e il Macerata Opera Festival.

Venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 agosto, mettiamo in scena La bohème. Questa nuova produzione, con la regia di Àlex Ollé de La Fura dels Baus, ha inaugurato la Stagione 2016-2017 del Regio. L’allestimento celebra il 120° anniversario della prima esecuzione assoluta dell’opera, andata in scena proprio al Regio nel 1896. L’allestimento è stato realizzato con il contributo degli Amici del Regio – Associazione che dal 2012 affianca l’attività del Teatro con iniziative volte a mantenere alta l’offerta culturale e renderla sempre più accessibile – e con la collaborazione di Alcantara, che ha realizzato parti delle scenografie, dei costumi e il sipario di questo allestimento.

«Siamo orgogliosi di essere partner del Teatro Regio per questa edizione de La bohème, con la regia di  Alex Ollé de La Fura dels Baus – dice Andrea Boragno, Presidente e CEO di Alcantara – una straordinaria occasione per Alcantara di celebrare la versatilità di questo materiale, capace di coniugare tradizione e innovazione all’insegna del valore del Made in Italy. Le partnership che Alcantara ha costruito negli anni con il mondo dell’arte e della creatività in generale, si rafforzano, ancor di più, con quest’opera, con attitudine innovativa e contemporanea». Il pubblico del Festival di Edimburgo avrà la possibilità di ammirare il sipario di Bohème, appositamente realizzato per questo allestimento, in Alcantara®, materiale frutto di una tecnologia unica e proprietaria. In stretta collaborazione con gli scenografi del Regio, Alcantara ha creato un vero e proprio capolavoro, capace di arricchire le scenografie di questa opera di Puccini mostrando tutta la sua eleganza e versatilità. Una virtuosa collaborazione che si ripete dopo gli straordinari risultati ottenuti con Simon Boccanegra, produzione del Regio, presentata a Hong Kong, che Alcantara ha reso preziosa con un altro sipario appositamente creato. Il cast de La bohème vanta solisti di fama internazionale, applauditi da critica e pubblico: il soprano Erika Grimaldi interpreta Mimì (il soprano Irina Lungu ha dovuto cancellare la propria partecipazione), il tenore Giorgio Berrugi è Rodolfo, il soprano Kelebogile Besong veste i panni di Musetta, il baritono Artur Rucinski è Marcello. L’allestimento è stato realizzato in coproduzione con il Teatro dell’Opera di Roma.

L’orchestra del Teatro Regio, guidata dal Maestro Gianandrea Noseda

Il 22 agosto, nella prestigiosa Usher Hall, Gianandrea Noseda dirige il Requiem di Verdi. Questo immenso capolavoro sinfonico-corale è diventato nel corso degli anni l’emblema dell’eccellenza del Regio, il masterpiece che ci ha resi famosi nel mondo e che il Direttore musicale del Teatro ha presentato, sempre con unanime successo di pubblico e critica, da San Pietroburgo a Vienna, da Dresda a Tokyo. Siamo ora alla prova con il pubblico di Edimburgo. Al Requiem prenderanno parte, con l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio, quattro grandi solisti: Erika Grimaldi (soprano), Daniela Barcellona (mezzosoprano), Piero Pretti (tenore) e Michele Pertusi (basso). Questa nuova tournée del Regio – cui seguiranno quelle a Gstaad, Muscat e Parigi – conferma la vocazione internazionale del Teatro, sempre più consolidata e riconosciuta.




LA TOURNÉE IN NUMERI

Il prestigioso Edinburgh International Festival propone il meglio del panorama musicale e teatrale non solo europeo e, per celebrare i 70 anni di attività, ha scelto il Regio quale Resident Company per questa importante edizione celebrando così il Teatro Regio quale emblema dell’eccellenza italiana. Sono ben tre le produzioni che portiamo in Scozia: due opere e un concerto, per un totale di otto serate, tutte dirette da Gianandrea Noseda.

Al Festival Theatre – capienza totale 1.915 posti  –  vanno in scena Macbeth di Giuseppe Verdi con la regia di Emma Dante e La bohème di Giacomo Puccini nell’allestimento firmato da Àlex Ollé, realizzato con il contributo degli Amici del Regio e con la collaborazione di Alcantara.

Nella prestigiosa Usher Hall – capienza totale 2.200 posti – Gianandrea Noseda dirige il Requiem di Giuseppe Verdi.

Le persone

A Edimburgo saremo in totale 287 persone. Il maestro Noseda, ovviamente, 7 solisti per Macbeth, 10 per La bohème, 4 per il Requiem, 28 gli attori del Macbeth e 11 le comparse per La bohème, 4 del team creativo di Bohème, tra cui il regista Àlex Ollé, e Giuseppe Cutino nel team creativo di Macbeth che riprende la regia di Emma Dante; 221 tra Professori dell’Orchestra (78), Artisti del Coro (79), maestri collaboratori, direttori di scena, tecnici e staff del Teatro.

Il personale tecnico è quello che naturalmente è partito per primo (tra il 12 e il 13 agosto), per realizzare e seguire tutti i montaggi. Partono invece oggi con un volo charter tutti gli altri componenti: Orchestra, Coro, Maestri collaboratori, Direttori di scena e Staff) il 16 agosto. I cantanti e gli attori del Macbeth e de La bohème confluiranno tutti su Edimburgo da ogni parte del mondo.

Dal 20 al 23 agosto per il Requiem – che richiede un organico maggiore – si aggiungerà un ulteriore gruppo di professori dell’Orchestra e Artisti del Coro del Regio.

Gli strumenti

107 strumenti in totale, il grosso viaggia in camion, mentre i più piccoli e maneggevoli viaggiano con i musicisti.

Scenografia e costumi

9 container via nave per il trasporto di scenografia, costumi e attrezzeria: 5 per La bohème e 4 per Macbeth. Sono 1.500 in totale i pezzi di scenografia che compongono i due allestimenti.

Costumi (tra prima compagnia e seconda compagnia, coro, comparse, attori e danzatori):
40 bauli-armadio (20 per La bohème e 20 per Macbeth)

Per Macbeth, i costumi sono 265 in totale; le calzature sono circa 200 paia e 2 le scatole contenenti le parrucche. Per La bohème, i costumi sono 180 e circa 200 paia di calzature.

Ago e filo, chiodi e martelli ce li portiamo da casa!

Il ritorno da Edimburgo è previsto per il 28 agosto. E siccome il Regio non si ferma mai, già il 31 agosto il Coro sarà pronto a ripartire per Gstaad, in Svizzera, dove il 1° settembre è prevista l’esecuzione in forma di concerto dell’Aida di Verdi allo Gstaad Menuhin Festival, con Noseda sul podio della London Symphony Orchestra.

Il 3 settembre è prevista la partenza del personale tecnico e dei direttori di scena per Muscat (Oman), i quali saranno raggiunti dal Coro (8 settembre) e dall’Orchestra (9 settembre); circa 70 gli strumenti che saranno imbarcati sui voli, mentre il cimbasso, la tuba e le trombe egizie sono già partiti nei container. Tutto sarà pronto per il 14 settembre, quando il Teatro Regio avrà l’onore di inaugurare con l’Aida di Verdi la Stagione della Royal Opera House di Muscat.

Due piccole curiosità: sono circa 8.000 a oggi le mail scambiate con Edimburgo, tra contatti con la Direzione artistica, la Direzione tecnica, l’Ufficio comunicazione, l’Ufficio stampa, l’Ufficio tournée;
i Professori dell’Orchestra saranno in frac a Edimburgo e in vestito nero a Muscat. Per far partire tutto nei tempi ,ed evitare che i professori non avessero l’abbigliamento adeguato, i vestiti neri sono già partiti per l’Oman!

Potrete seguire la tournée a Edimburgo guardando le clip quotidiane di Paola Giunti sulla pagina Facebook del Teatro: reportage, immagini inedite e backstage dalle tre produzioni.

Seguite il Teatro Regio e questa tournée sui nostri social media usando l’hashtag

#EdintFest

Servizio a cura di Antonello Preteroti