Home / In evidenza / I dieci luoghi piu’ romantici di Torino

I dieci luoghi piu’ romantici di Torino

Tutte le coppie di innamorati che vivono a Torino o che hanno trascorso qualche giorno nella nostra città hanno apprezzato angoli romantici e punti dove la freccia di cupido ha fatto centro.


Sono numerosi i luoghi ideali per un primo appuntamento o per creare quella situazione ideale per rompere l’imbarazzo di un primo incontro.
Ecco quelli che a detta di molti sono considerati i luoghi piu’ romantici della città. 

BASILICA DI SUPERGA

Facciata della Basilica in notturna

La Basilica è dedicata alla Madonna delle Grazie, la cui statua lignea è conservata nella Cappella del Voto. La Basilica è alta 75 metri e dalle numerose panchine nei punti d’affaccio si gode una delle piu’ suggestive viste panoramiche della città. Consigliato il tramonto dalla vedetta panoramica perchè il sole si spegne all’orizzonte sulle Alpi. Per raggiungere la Basilica vi consigliamo di prendere La storica Tramvia a Cremagliera della Stazione Sassi-Superga che vi permetterà di vivere un insolito ed affascinante percorso immerso nel verde della collina torinese dove in alcuni scorci potrete ammirare alcune delle ville piu’ esclusive della città

Stadio Olimpico Grande Torino 17\07\19
info biglietti
Tutti gli eventi PalaAlpitour
Biglietti per tutti gli spettacoli
previous arrow
next arrow
Pala Alpitour 14-15 febbraio 2019 info biglietti
Stadio Olimpico Grande Torino 17\07\19
info biglietti
Tutti gli eventi PalaAlpitour
Biglietti per tutti gli spettacoli
previous arrow
next arrow
Slider

IL GIARDINO ROCCIOSO

Situato all’interno del Parco del Valentino, quest’area di 44.000 mila metri quadri offre un suggestivo percorso che si snoda in piccole stradine lastrade di sanpietrini dove si possono ammirare ruscelli, giochi d’acqua, panchine e punti d’ombra, e installazzioni artistiche perfettamente integrate con la flora di oltre 200 specie di piante e fiori. Assolutamente unico a primavera inoltrata quando i fiori sbocciano e i colori della natura sono spettacolari.

PIAZZA SAN CARLO

il fascino di piazza San Carlo in notturna

Può sembrare una posizione azzardata per la tipologia della classifica ma ci sono alcuni aspetti che la rendono unica. La piazza definita “il salotto d’italia” è uno dei simboli aulici della che piu’ di tutti rappresenta l’eleganta , lo stile e la grande eleganza della prima capitale del bel paese.
Questa piazza ha una sua attrattiva magica che non si percepisce a primo impatto ma ne si viene avvolti perchè le sue perfette proporzioni armoniche, i suoi elementi d’arredo, le colorazioni delle pareti, e noterete che nonostante le molte persone presenti spesso ha un silenzio di fondo quasi ossequioso, fa scaturire un senzo di bellezza avvolgente che si riperquote con la necessità di scambiare affetto. Unica poi illuminata la sera.

MONTE DEI CAPPUCCINI

Monte dei cappuccini illuminato da Luci d’Artista

Senza dubbio uno dei grandi classici amato da turisti e innamorati. Da questa altura di circa 300 metri s.l.m. vicinissima al centro storico (piazza Vittorio Veneto) si gode quella che viene considerata la cartolina della città. Infatti da questa posizione privilegiata si possono ammirare in tutta la loro bellezza il fiume Po e la Mole Antonelliana. Chiude la cornice la chiesa Barocca “Santa Maria a Monte” che durante il periodo di “luci d’artista ” con l’installazione di “Piccoli spiriti blu” assume un aspetto unico.

MONGOLFIERA TURUN EYE

panorama dal cesto in volo

Se non si soffre di vertigini e si vuole impressionare il partner questa recente attrattiva è uno spettacolo. La mongofiera in tutta sicurezza si leva su Torino per piu’ di 140 metri e il panorama che si gode da quell’altezza è unico. Inoltre l’emozione è a 360′ grazie ad alcuni punti del cestello che hanno la pavimentazione trasperente. Con un diametro di 23 metri, HiFlyer è il più grande pallone vincolato del mondo. La partenza è nella zona del cortile del maglio “pieno centro di Torino” . Ideale fare il volo nei momenti che precedono il tramonto o nelle serate natalizie dove si può ammirare la città illuminata con tutte le luminarie dei mercatini natalizi e le luci d’artista.

IL MAUSOLEO DE “LA BELA ROSIN”

Mausoleo della Bela Rosin a Mirafiori Sud (To)

Il Mausoleo della Bela Rosin è la tomba di famiglia di Rosa Vercellana, soprannominata in piemontese Bela Rosin (Bella Rosina). Perchè romantico? Perhcè appunto la bella Rosina fu una delle donne piu’ amate da Vittorio Emanuele II. Un amore che nacque clandestino tra il 27 enne Vittorio e la 14 enne Rosina. La storia d’amore durò per tutta la vita nonostante lo scandalo a corte che suscitò questo rapporto. Amore culminato poi con il matrimonio pochi mesi della morte del Re il
il 9 gennaio 1878.

LA GALLERIA GRANDE ALLA REGGIA DI VENARIA

La galleria grande (erroneamente chiamata di Diana)

La galleria è considerata uno dei piu’ grandi capolavori dell’architettura di tutto il settecento. La sua funzione era di collegamento tra l’appartamento del re e quello dell’erede al trono, oggi è sicuramente uno degli ambienti più romantici e spettacolari dell’intero complesso. Le dimensioni della Galleria sono maestose con un’altezza al centro volta di circa 15 metri, una lunghezza di circa 80 metri ed una larghezza di 12 metri. Una delle peculiarità della Galleria Grande è lo splendore dei fasci di luce generati dalle 44 ampie finestrature che consentono un gioco di luci e penombre tali da esaltare la varietà degli infiniti decori e delle due esedre, suggestionando inesorabilmente i visitatori. Capita di vedere ragazzi in ginocchio davanti le proprie future mogli o visitatori in lacrimo colti da sindrome di Stendhal

PARCO DORA

Panoramica da drone

Può sembrare strano ma questo luogo per i piu’ giovani “della generazione 2.0” possiede una carica magica. Si possono fare lunghe passeggiate, ammirare i murales di artisti di strada, gustare una partita di basket o l’esibizione di sport come “parkour” o “skateboard da strada” . Inoltre le panchine sono molte è creano una certa intimità.

MUSEO DEL CINEMA DI TORINO

interno “La pancia del museo”

Tra i più importanti al mondo per la ricchezza del patrimonio e la molteplicità delle sue attività scientifiche e divulgative, il Museo Nazionale del Cinema deve la sua unicità alla peculiarità dell’allestimento espositivo. Ospitato alla Mole Antonelliana, monumento simbolo di Torino, il Museo si sviluppa a spirale verso l’alto, su più livelli espositivi, dando vita a una presentazione spettacolare delle sue straordinarie collezioni e ripercorrendo la storia del cinema dalle origini ai giorni nostri, in un suggestivo itinerario interattivo. In una cornice di scenografie, i percorsi di visita danno vita a una presentazione spettacolare e consentono di scoprire in prima persona i segreti nascosti dietro la macchina da presa e le fasi che precedono la proiezione del film. Il Museo racchiude e illustra tutta la storia del cinema in un itinerario fantastico e interattivo: dal teatro d’ombre e le prime affascinanti lanterne magiche che hanno costituito la preistoria della “settima arte”, ai più spettacolari effetti speciali dei nostri giorni.

PONTE PRINCIPESSA ISABELLA

L’eleganza del ponte Principessa Isabella

Il ponte Principessa Isabella fu costruito, tra il 1876 e il 1880, in corrispondenza dell’attuale corso Dante. La commissione  giudicatrice scelse il progetto di Ernesto Ghiotti, che prevedeva una struttura a cinque arcate semiellittiche. L’eleganza architettonica del ponte è dovuta alla snellezza della struttura e al contrasto cromatico tra il mattone a vista dei timpani e i rosoni bianchi, realizzati con la stessa pietra del rivestimento delle arcate e delle pile. L’apparato decorativo, era completato dai parapetti e dai lampioni in ghisa, sostituiti nella seconda metà del XX secolo.Il ponte è dedicato a Isabella, principessa di Baviera (1863-1924), che sposò Tommaso Alberto Vittorio di Savoia-Genova nel 1883. E’ consigliata una bella passeggiata sulle sponda che porta dopo pochi minuti al Borgo Medievale.