Home / In evidenza / Dal ristorante “Il Giardino” la prima “merenda Sinoira” di cucina circolare a Torino

Dal ristorante “Il Giardino” la prima “merenda Sinoira” di cucina circolare a Torino

LA MERENDA SINOIRA? SI MA CIRCOLARE!IL GIARDINO ristorante di cucina circolare e vegetariana recupera l’antica tradizione piemontese e

organizza a partire da MARTEDI’ 16 APRILE

venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
venerdi 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
sabato 15 giungo dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
previous arrow
next arrow
Slider
venerdì 14 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello
Ristorante il Giardino tutti i martedi aperitivo con "merenda Sinoira"
sabato 15 giugno dalle ore 21:30 alle 23:00 piazza Castello (To)
via Cristoforo Colombo 41 (Crocetta -To) Sconti sul firmato fino al 70%
Tutti gli eventi PalaAlpitour
venerdì 14 giungo 20:30 Museo Egizio di Torino
previous arrow
next arrow
Slider

un ciclo di “merende sinoire” di cucina circolare.DALLE ORE 18,30 – Via Barbaroux, 25 TORINO

In occasione dell’apertura del déhors, nella suggestiva e intima Piazzetta Università dei Mastri Minusieri, il Giardino inaugura una stagione circolare. Tutti i martedì a partire dalle 18,30 e fino alle 21,30 il Ristorante offre una “merenda sinoira circolare” nel corso della quale ci sarà spazio per conoscere piatti, assaggiare prodotti buoni ed etici, purificarsi sorseggiando acque detox e approfondire temi legati al cibo, alla cucina e all’economia circolare.  Ci saranno ospiti che di volta in volta si avvicenderanno per raccontare storie di cibo e di percorsi virtuosi, di visioni futuribili e concrete che parlano di rispetto, etica, sostenibilità e salute.

previous arrow
next arrow
Slider

MERENDA SINOIRA CIRCOLARE:

–       Acqua detox

–       Piatto di creazione vegetariano o vegano

–       Vellutate fredde o calde a piacere

–       Pane all’olio

–       Frutta libera di stagione

–       Calice di vino

Tutto questo in ottica circolare perché se è vero – come sostiene Carlo Petrini  – che un piatto per essere buono, oltre ad essere cucinato bene, deve essere anche pulito e giusto è altrettanto importante che di un ingrediente si possa utilizzare tutto per diminuire sprechi e impatto ambientale. Questa, in poche parole, la filosofia di Maria Zingarelli che oltre ad avere maturato una scelta di vita e di lavoro verso la cucina vegetariana, ha sposato l’idea del maestro Igles Corelli legata alla cucina circolare.

Ogni alimento può essere considerato come un’entità complessa, composta di varie parti, che la chef Maria Zingarelli utilizza per ottenere preparazioni diverse che possono concorrere alla costruzione di un singolo piatto come di un intero menù. Come in natura tutto viene trasformato con un processo che è ciclico, circolare.

Si chiama cucina circolare perché lo stesso ingrediente viene declinato in diversi modi in base ai diversi metodi di preparazione e cottura che permettono di ottenere diverse consistenze, gusti e aspetti partendo dalla stessa materia prima.

Per arrivare a una grande cucina è necessario lavorare con grandi prodotti. Con la ricerca, la dedizione e la passione si può arrivare a risparmiare anche comprando prodotti costosi perché di ciascun prodotto si utilizza tutto. Ecco perché il tema della cucina circolare non va confuso con la cucina del risparmio.

La circolarità in cucina è un atto che si compie dal produttore al consumatore: il prodotto migliore può essere utilizzato nel miglior modo possibile per contenere sprechi e impatto ambientale.

Ogni alimento può essere considerato come un’entità complessa, composta di varie parti, che la chef Maria Zingarelli utilizza per ottenere preparazioni diverse che possono concorrere alla costruzione di un singolo piatto come di un intero menù.

La circolarità in cucina è un atto che si compie dal produttore al consumatore: il prodotto migliore può essere utilizzato nel miglior modo possibile per contenere sprechi e impatto ambientale.

Il Ristorante Il Giardino – cucina circolare e vegetariana –  è un luogo aperto a tutti dove si possono mangiare piatti gustosi che non hanno bisogno di etichette. La filiera dei fornitori è controllata e lo studio bilanciato dei menù, libera il ristorante dalle pressioni delle mode e dai food trend; il Giardino è un ristorante che esprime, attraverso i suoi piatti, tutto l’amore e il rispetto per la natura e i suoi cicli.

La giornata al Giardino è divisa in due momenti: il pranzo con un menù colorato e freschissimo proposto nelle “ciotole” e la cena dove le proposte non seguono l’ordine tradizionale, ma sono una piccola apoteosi verso le vette dei sapori più sani e autentici.

Costo della merenda sinoira: 15 euro a persona

Per informazioni: telefonare 011. 6970071

www.giardinoristoranteveg.com – Facebook: giardinoristorantevegtorino