Home / Notizie / Buona la prima per le Juventus Women, che vincono il derby di Coppa Italia segnando più di 10 gol
previous arrow
next arrow

Buona la prima per le Juventus Women, che vincono il derby di Coppa Italia segnando più di 10 gol

L’avventura della Juventus Women, la prima squadra femminile bianconera ufficiale, non poteva iniziare meglio.

In trasferta a Pianezza, le ragazze di Rita Guarino hanno letteralmente “messo in ginocchio” le avversarie del Torino, aggiudicandosi la qualificazione al secondo turno di Coppa Italia.



La squadra delle Juventus Women al completo

LE FASI SALIENTI DELLA PARTITA

Le ragazze della Juventus, fin dai primi minuti di gioco, non hanno dato tregua alle avversarie e, in un primo momento, grazie all’azione personale di Barbara Bonansea e, poco dopo, con la magistrale tripletta di Simona Sodini, sono riuscite a chiudere il primo tempo già sul 5-0. per le ragazze di Rita Guarino.

Nella ripresa, la musica non cambia, e segnano inizialmente Galli Glionna, autrici di una doppietta a testa, poi c’è anche il tempo per la secondo gol personale di Barbara Bonansea, per la successiva doppietta di Arianna Caruso, e per la marcatura finale della neo entrata Flavia Devoto.

La partita termina 13-0, a favore delle bianconere: appuntamento ora a domenica 10 settembre, al campo “Ale&Ricky”, dove si giocherà il ritorno.




LE PAROLE DELL’ALLENATORE DELLA JUVENTUS FEMMINILE

«Il momento più emozionante? Quando le ragazze hanno vestito la maglia bianconera – spiega l’allenatore Rita Guarino a fine gara – Sanno che siamo all’inizio di una grande avventura, e che dobbiamo viverla… fino alla fine!»

Sulla partita commenta: «L’obiettivo principale che abbiamo raggiunto, al di là del risultato del campo, è stato portare tanta gente sulle tribune a vedere la partita».

previous arrow
next arrow

Infine, parlando della stagione: «Stiamo aumentando i carichi, dobbiamo lavorare. Le giocatrici sono rientrate dalle Nazionali e stiamo facendo un buon percorso».

Servizio a cura di Antonello Preteroti

Commenta su Facebook

previous arrow
next arrow