Home / In evidenza / 10° Raduno BABBI NATALE! – Dal 2 novembre sono disponibili i kit di Babbo Natale.

10° Raduno BABBI NATALE! – Dal 2 novembre sono disponibili i kit di Babbo Natale.

Il PROGETTO del Raduno dei Babbi Natale 2019: la ristrutturazione del reparto di Nefrologia, Gastroenterologia e Trapianti d’organo del Regina Margherita

Un progetto ambizioso e molto importante per l’ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino. La ristrutturazione completa del reparto di Nefrologia, Gastroenterologia e Trapianti d’organo dell’OIRM è infatti lo scopo della raccolta fondi legata al decimo raduno dei Babbi Natale del prossimo 1° dicembre. Fondazione Forma ha deciso di celebrare il raggiungimento dei dieci anni di questo evento, ormai diventato patrimonio della Città di Torino e dei suoi abitanti, con un’opera rilevante per l’intera struttura ospedaliera e per la sanità piemontese e nazionale.

previous arrow
next arrow
Slider
previous arrow
next arrow
Slider

Il ricavato ottenuto dalla distribuzione (a fronte di offerte) dei Kit di Babbo Natale e dalle donazioni, in questo mese di novembre e nella giornata del Raduno, sarà interamente destinato alla ristrutturazione di questo reparto.

COME SI FA A DONARE: i Kit di Babbo Natale

Dal 2 novembre i Kit saranno disponibili ogni sabato e domenica, in punti diversi della Città (informazioni e luoghi su www.fondazioneforma.it): i volontari FORMA saranno in piazza per distribuire i costumi di Babbo Natale a fronte di una donazione che parte da un minimo di 5 euro.

Due le novità di quest’anno: oltre a quello per adulto, è disponibile il costume per i più piccoli!

E ancora sarà possibile avere la Borraccia di Babbo Natale a fronte di una donazione minima di 6 euro: una attenzione in più, da parte di Forma, all’ambiente ed un modo in più per i cittadini di contribuire alla raccolta fondi.

Dove trovate i volontari FORMA:

  • Via Lagrange, fronte Rinascente
  • Tutti i punti Decathlon
  • Le GRU – 1 piano
  • Atrio Ospedale Regina Margherita

I costumi si trovano anche:

  • nei bar Costadoro
  • presso i negozi dei Girarrosti Santa Rita
  • da Eataly
immagine aerea dei 20.000 babbi Natale dell’edizione 2018

“È certamente l’obiettivo più importante mai prefissatosi dalla Fondazione, sia in termini di importanza, sia per l’impegno economico, che si prospetta superiore al milione di euro”, dichiara l’ing. Antonino Aidala presidente di Fondazione FORMA Onlus. “Siamo sicuri che il supporto e la sensibilità dei cittadini e delle realtà che operano sul territorio ci aiuteranno a mantenere alta l’efficienza e l’eccellenza dell’Ospedale dei Bambini”

Dottor Silvio Falco (Direttore Generale Città della Salute di Torino): “Per il decimo anno ci accingiamo a vivere il Raduno dei Babbi Natale, un grande evento per l’ospedale Regina Margherita, per tutta la città di Torino e per il Piemonte. Siamo orgogliosi di questa iniziativa e per questo ringraziamo la Fondazione Forma e tutti i suoi volontari che lavorano per la riuscita dell’evento. Un evento di festa, ma soprattutto di generosità che permetterà di perseguire un altro grande progetto di umanizzazione e di ristrutturazione dell’ospedale, in particolare della Nefrologia, Gastroenterologia e trapianto d’organo”.

Professoressa Franca Fagioli (Direttore Dipartimento Pediatria e Specialità pediatriche) “L’obiettivo della Fondazione Forma rientra nell’ambito dei percorsi di umanizzazione attuati in questi ultimi anni all’interno dell’Ospedale Infantile Regina Margherita. Il nuovo spazio e le sue facilities tradurranno la progettualità strutturale in un nuovo modello organizzativo con un percorso assistenziale dedicato e personalizzato per pazienti ad elevata complessità e fragilità. L’aiuto della città sarà prezioso e cruciale. Tutti insieme contribuiremo al raggiungimento di un importante traguardo per la sanità pubblica piemontese e nazionale.”

Il progetto di ristrutturazione di queste due importanti Strutture di riferimento del Piemonte consentirà alla Nefrologia ed alla Gastroenterologia di essere strutturalmente integrate in modo da offrire alla popolazione un servizio completo e all’avanguardia, con percorsi di cura di alto livello e a misura di bambino.